RUSSIA. Sospese le forniture di petrolio russo all’Europa

108

Il primo ministro Dmitry Medvedev ha ordinato ai ministeri dell’Energia e del Commercio della Russia di condurre in sette giorni un’inchiesta sulla causa della contaminazione che ha portato alla sospensione delle forniture di petrolio russo in Europa attraverso l’oleodotto di epoca sovietica Druzhba. Una dichiarazione del governo russo il 27 aprile sulle indagini dice che i risultati dovrebbero essere inviati alla Procura generale russa.

Da Pechino, il presidente Vladimir Putin aveva detto il 27 aprile che una prima inchiesta doveva essere condotta in primo luogo dal monopolio statale russo del trasporto petrolifero Transneft, che gestisce la rete di oleodotti. Putin, riporta Rferl, ha anche confermato di aver parlato con il presidente bielorusso Alyaksandr Lukashenka circa l’interruzione delle spedizioni di petrolio russo verso l’Europa attraverso Druzhba a causa della contaminazione.

Putin aveva descritto la sua conversazione con Lukashenka come «un breve scambio di opinioni sulla questione (…) Sono a conoscenza di ciò che è successo, ma i dettagli mi sono sconosciuti perché per capire cosa è successo lì, bisogna condurre un’indagine (…) In primo luogo, è necessario che Transneft conduca un’indagine e identifichi il luogo da cui proviene, per quali ragioni, che cosa è successo e così via (…) L’indagine è in corso. Se l’indagine interna società è insufficiente, non escludo che condurremo un’indagine che coinvolga le forze dell’ordine e i servizi di sicurezza», ha detto Putin.

Le osservazioni di Putin erano arrivate ore dopo che la Russia aveva annunciato che sarebbe stata in grado di ripristinare le forniture di petrolio di qualità accettabile attraverso Druzhba verso l’Europa in circa due settimane.

Il vice primo ministro russo Dmitry Kozak aveva detto il 26 aprile, dopo i colloqui a Minsk con funzionari di Bielorussia, Ucraina e Polonia, che i quattro paesi avevano concordato misure comuni per eliminare gli effetti della contaminazione che aveva costretto la sospensione delle consegne: «Questo ci permetterebbe, come previsto in precedenza, di fornire petrolio incontaminato al confine con la Bielorussia entro il 29 aprile e di ripristinare l’oleodotto in due settimane».

Polonia e Bielorussia il 19 aprile avevano annunciato di aver smesso di accettare le spedizioni di petrolio russo attraverso l’oleodotto Druzhba, dicendo che gli acquirenti in Polonia e Germania non potevano accettare il greggio russo perché “contaminato” e di “scarsa qualità”. La Bielorussia ha detto che la fonte di “contaminazione da cloro” del petrolio era stata trovata all’interno della Russia lungo la sezione Samara-Unecha dell’oleodotto.

Il cloruro è tipicamente utilizzato dai produttori per aumentare la produzione di petrolio greggio, ma deve essere separato prima che il petrolio greggio venga spedito alle raffinerie perché può distruggere le attrezzature delle raffinerie. Transneft aveva detto il 26 aprile che la contaminazione che ha portato alla sospensione delle spedizioni di petrolio verso l’Europa avrebbe potuto essere deliberata, e che era stato aperto un procedimento penale per sabotaggio.

Funzionari del Ministero dell’Energia russo si sono incontrati a Minsk con i rappresentanti delle imprese di trasporto petrolifero di Russia, Bielorussia, Polonia e Ucraina per discutere la questione: la Transneft russa, la bielorussa Belneftekhim, la polacca Pern e l’ucraina Ukrtransnafta. L’oleodotto di Druzhba è l’oleodotto più lungo del mondo e una delle reti di oleodotti più grandi del mondo.

Originariamente costruito per fornire petrolio alle parti occidentali dell’Unione Sovietica e ai paesi dell’ex blocco sovietico dell’Europa dell’Est, è ora la principale via di esportazione per l’invio di petrolio in Europa dalla Russia e dal Kazakistan.

La sospensione delle consegne attraverso la Polonia impedisce ai grandi acquirenti di ricevere petrolio russo presso le loro raffinerie in Polonia e in Germania, incluse le raffinerie polacche Pkn Orlen e gli impianti in Germania appartenenti a Total, Shell, Bp e Rosneft.

Le perdite sono state stimate a circa 100 milioni di dollari.

Anna Lotti