Sommergibili russi nel Mediterraneo

57

RUSSIA – Mosca. 30/01/14. Il Ria Novosti, ieri, ha pubblicato una notizia secondo cui, il cantiere di San Pietroburgo a maggio avrà pronto il secondo di sei sottomarini (da consegnare in due anni) diesel-elettrici Varshavyanka da consegnare alla Flotta del Mar Nero della Russia.

La consegna è anticipata e probabilmente la società riuscirà a consegnare tutti i sommergibili molto prima della scadenza stabilita.

Gli Stati Uniti hanno rinominato questi sottomarini “buchi neri nell’oceano” perché sono quasi impercettibili quando sono sommersi.

La flotta è un elemento chiave della strategia navale della Russia nel Mediterraneo, dove Mosca ha recentemente implementato una task force permanente costituito di circa 10 navi di superficie.

La costruzione del secondo sommergibile – Don Rostovon è iniziata presso il cantiere dell’Ammiragliato nel novembre 2011, seguita dalla Stary Oskol dal mese di agosto 2012. Il Novorossiisk, inizierà le prove in mare il 1 ° febbraio, mentre la costruzione della quarta nave, la Krasnodar, dovrebbe iniziare il 20 febbraio. Fonte cantiere di San Pietroburgo. Tutti e sei i sottomarini saranno impiegati presso la base navale Novorossiisk entro il 2016, fonte: marina russa. Il Varshavyanka (Progetto 636) è una versione migliorata dei sottomarini classe Kilo e dispone di tecnologia stealth avanzata, la gamma di combattimento estesa e la capacità di colpire terra, la superficie e gli obiettivi subacquei. I sottomarini sono destinati principalmente alle missioni in acque relativamente poco profonde. Le navi con equipaggio di 52 sommergibilisti, hanno una velocità subacquea di 20 nodi e un’autonomia di 400 miglia (650 chilometri) con la possibilità di pattugliare per 45 giorni. Essi sono armati con 18 siluri e otto missili terra-aria. La Flotta del Mar Nero non ha ricevuto nuovi sottomarini da decenni e attualmente opera solo una barca : il Kilo – classe Alrosa , che hanno aderito alla marina nel 1990.