Serbia: 7 miliardi di euro di investimenti dalla Russia

59

RUSSIA – Mosca. 04/11/13. Alla Business Conference russa-serba, che si è svolta il 30 ottobre a Mosca, l’economia della Serbia ha presentato agli investitori russi 75 progetti per un valore complessivo di quasi 7 miliardi di euro.

Alla Camera di Commercio della Federazione Russa, sono stai presentati i progetti più promettenti per i settori di investimento dell’economia serba: industrie energetiche, agro-alimentare, dell’edilizia e del turismo. L’obiettivo principale di questo evento, che è supportato da agenzie governative dei due paesi, Commercio Camere di Commercio della Serbia e la Russia, è quello di dare una reale opportunità per i rappresentanti del mondo economico dei due paesi, nel quadro dei negoziati diretti, e avviare una transazione futura specifica di attività congiunte. Si legge in un comunicato congiunto.
Secondo un membro della Camera di Commercio della Federazione Russa, Alexander Kanshina, direttore generale dell’Associazione delle Reserve Officers Association “MEGAPIR”, «La Serbia non è interessante solo per la Russia quanto efficace hub di transito europeo, o come un paese con un più ampio benefici economici sia per l’Unione doganale, e l’UE. Serbia e Russia condividono una unione spirituale».
La Russia occupa un posto importante tra i principali partner economici della Serbia. Nella cooperazione economica tra i due paesi c’è stato un tasso di crescita costante, dalla Russia alla Serbia, e delle merci serbe sul mercato russo. Questo anche grazie all’assistenza speciale arrivata dalla dichiarazione sul partenariato strategico firmato dal presidente russo Vladimir Putin e il presidente serbo Tomislav Nikolic, il 24 maggio 2013.

La dichiarazione prevede lo sviluppo della cooperazione, di partenariato e progetti congiunti nel settore dei trasporti, l’energia, il turismo e l’agricoltura. La Dichiarazione sottolinea il sostegno alla cooperazione tra le camere di commercio come un ulteriore incentivo a intensificare e migliorare le relazioni economiche bilaterali. L’accordo di libero scambio tra Serbia e Russia, accordo commerciale, prevede un “dovere” di libero scambio su quasi il 99% della merce.

La Serbia ha concluso una serie di accordi bilaterali e multilaterali, che implicano condizioni preferenziali di scambio e una spinta significativa per gli investimenti nell’economia della Serbia a partner russi. Grazie a condizioni favorevoli che legano la Serbia ai mercati dell’UE dell’Europa sud-orientale (CEFTA), ai paesi EFTA e la Turchia, la Serbia gode e fornisce un vantaggio competitivo nel prezzo dei prodotti di origine serba.

Altro tema affrontato dalla conferenza è quello in materia di sicurezza. Secondo il presidente NIA della Camera di Commercio della Serbia Zeljko Sertich, «La Camera di Commercio della Serbia nel mese di settembre, ha organizzato a Belgrado Presentazione della “Sicurezza e la sicurezza dell’individuo, lo Stato, la società”. Oltre 100 aziende in Serbia, rappresentanti dell’esercito, il Ministero degli Interni, Ministero delle Situazioni di emergenza hanno mostrato interesse e ha partecipato a questa presentazione. «Oggi una delegazione della Camera di Commercio della Serbia, del nostro paese nutre grande entusiasmo, e sta lavorando alla mostra per partecipare ad accesi dibattiti nel Congresso»- ha detto Zeljko Sertich.