RUSSIA. Putin sta con Modi contro la Cina

133

Le tensioni ai confini dell’India e della Cina continuano a crescere e il mondo intero ne segue da vicino gli sviluppi. La Russia, che è uno stretto alleato sia dell’India che della Cina, si è schierata con l’India nello stallo sino-indiano alla Line of Actual Control. Mosca, infatti, ha assicurato di essere al fianco dell’India nel bene e nel male.

Anche se la Russia ha sostenuto pubblicamente l’India, fa il tifo per l’allentamento delle tensioni in America Latina e nei Caraibi. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, l’ambasciatore russo in India Nikolay R. Kudashev e il vicecapo della missione russa Roman Babushkin hanno fatto eco alle loro opinioni sulla speranza di una soluzione tra i due Paesi asiatici. «Ci auguriamo che le tensioni si allentino presto e che le parti mantengano un dialogo costruttivo, tenendo conto anche delle potenzialità della cooperazione. La Russia ritiene che sia vitale per la regione», ha detto Babushkin a Wion in una dichiarazione. Allo stesso modo, Lavrov e Kudashev hanno accolto con favore i rappresentanti militari di entrambi i Paesi che discutono le misure per risolvere i problemi. Anche il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov ha espresso preoccupazione per lo stallo indo-cinese e ha auspicato che i due Paesi risolvano i problemi e ristabiliscano la stabilità nella regione del conflitto, riporta International Business Times.

«Certamente, stiamo osservando con grande attenzione ciò che sta accadendo al confine tra Cina e India. Crediamo che questo sia un rapporto molto allarmante. Ma riteniamo che i due Paesi siano in grado di prendere le misure necessarie per prevenire tali situazioni in futuro e per assicurare che ci sia prevedibilità e stabilità nella regione e che questa sia una regione sicura per le nazioni, prima di tutto per la Cina e l’India», ha detto Peskov.

Le reazioni del Cremlino arrivano a pochi giorni dall’incontro dei ministri degli Esteri del Ric (Russia-India-Cina), che si terrà il 23 giugno in videoconferenza. I ministri si scambieranno opinioni sulle tendenze della politica globale, dell’economia e di altri settori a seguito della pandemia Covid-19.

Ma Mosca ha chiaramente negato di discutere di questioni bilaterali durante questa riunione: «L’agenda del Ric non prevede la discussione di questioni che riguardano le relazioni bilaterali di un Paese con un altro membro di questo formato», ha precisato Lavrov.

Anna Lotti