RUSSIA. Putin ordina: gas artico russo per la Cina 

147

Il Ceo di Gazprom Alexei Miller è andato nei giorni scorsi al Cremlino per parlare con il presidente Vladimir Putin pochi giorni dopo il ritorno dalle riunioni ad alto livello a Pechino.

L’esportazione di gas naturale era all’ordine del giorno del presidente, compresa la costruzione di infrastrutture per le consegne in Cina. Putin ha detto a Miller che voleva vedere le consegne di gas naturale dalla penisola di Yamal al paese asiatico. Può essere sviluppato un nuovo percorso di consegna attraverso la Mongolia, ha detto il presidente: «Ti prego di dare un’occhiata alle risorse di Yamal in modo che i volumi necessari possano essere consegnati su un percorso occidentale verso la Cina via Mongolia», ha chiesto Putin, ripreso da Moscow Times. «So che l’itinerario è difficile, ma le valutazioni preliminari dell’emissione hanno indicato che è completamente realistico ed i nostri soci cinesi inoltre tendono a pensare così» ha aggiunto Putin.

Fino a poco tempo fa, il cosiddetto percorso occidentale del gasdotto tra la Russia e la Cina doveva attraversare la repubblica russa di Altai e raggiungere la provincia cinese dello Xinjiang. Ora, la Mongolia è diventata parte del quadro. «Ti chiedo di studiare questa possibilità e di riferirmi», ha detto Putin a Miller.

L’enfasi sulle risorse di Yamal viene dal momento che le aziende energetiche russe stanno sviluppando le vaste riserve della remota penisola artica. Gazprom gestisce il campo di Bovanenkovo con i suoi 4.900 miliardi di metri cubi di riserve e sta sviluppando il vicino campo di Kharasaveyskoye. Nell’area sono presenti anche il campo di Kruzensternskoye, i campi di Tambey e diverse importanti risorse offshore.

Gazprom controlla 32 licenze nella regione e le stime delle risorse superano i 26 trilioni di metri cubi. Il gas naturale proveniente da Yamal viene oggi esportato attraverso un gasdotto verso ovest e le consegne in Cina richiederebbero la costruzione di un nuovo gasdotto che si estende in Siberia.

Gazprom è uno degli stakeholder chiave nella cooperazione energetica in espansione tra Russia e Cina ed è attualmente in fase di costruzione del “Power of Siberia”, un gasdotto di 4.000 chilometri che collegherà l’estremo oriente russo con la Cina settentrionale. Il potere della Siberia attraversa la città russa dell’estremo oriente di Blagoveshchensk e raggiunge la provincia cinese di Heilongjiang. La capacità del gasdotto è di 38 miliardi di metri cubi di gas all’anno.

Anna Lotti