RUSSIA. Putin non appoggia il separatismo catalano, anzi

51

Il presidente russo Vladimir Putin ha negato che il suo paese abbia mai sostenuto l’indipendenza della regione nord-orientale spagnola della Catalogna, dicendo che Mosca vuole che la nazione iberica preservi la sua integrità  territoriale. «Abbiamo buone e fruttuose relazioni con la Spagna che vogliamo mantenere, e vogliamo anche che la situazione in Spagna tenda a normalizzarsi e per la Spagna di conservare la sua integrità territoriale», ha detto Putin in un’intervista rilasciata ai direttori delle più grandi agenzie di stampa internazionali del mondo, riporta Efe. Putin è stato amichevole, ottimista e soddisfatto del successo del Forum economico internazionale di San Pietroburgo di quest’anno, con la presenza del francese Emmanuel Macron all’apertura.

Il recentemente rieletto Putin ha detto che intende rispettare la Costituzione russa, ritirandosi quando il suo attuale mandato scadrà nel 2024. «Tutti i popoli hanno diritto all’autodeterminazione, ma allo stesso tempo crediamo nel rispetto e nella conservazione della sovranità degli Stati e dei confini stabiliti», ha aggiunto. «Questa è la nostra posizione, ed è quella che abbiamo trasmesso al governo spagnolo», ha detto Putin. Riferendosi poi alle accuse della Spagna di attacchi cyber, il capo del Cremlino ha detto che erano «sciocchezze» dire che la Russia ne fosse la causa.

«Lo dicono sempre sulla Russia. Questo è stato detto per quanto riguarda la Brexit, siamo accusati di tutto ciò che è male. Ma si tratta di processi interni a ogni paese con cui non abbiamo assolutamente nulla a che fare. Forse Boris Johnson è un agente russo?» ha detto Putin facendo riferimento all’attuale segretario agli Esteri del Regno Unito, che ha sostenuto la campagna di successo per l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea che ha un nome che potrebbe passare per russo. 

«C’è un evidente desiderio di incolparci di tutto, e questo è un approccio improduttivo e dannoso che mina le relazioni internazionali (…) Ci accusano di ogni peccato mortale e questo è grave», ha poi aggiunto. «Siamo pronti al dialogo e vogliamo il dialogo, ma spesso le decisioni sono prese solo per danneggiare la Russia», ha detto, rilevando la presenza di «sistemi anti-missilistici in Alaska, in Norvegia, in Danimarca, su tutti i nostri confini (…) Si tratta di azioni volte a indebolire la Russia militarmente. Che cosa possiamo fare? Per equilibrare le cose, produrremo i nostri sistemi militari», ha detto Putin.

Graziella Giangiulio