RUSSIA. Putin celebra i 5 anni dall’annessione e la crescita economica della Crimea

63

Il presidente russo Vladimir Putin è arrivato in Crimea per celebrare il quinto anniversario del ritorno della Crimea sotto sovranità russa; fatto che ha portato ad un sanzioni internazionali contro Mosca per l’annessione ritenuta illegale.

Putin, il 18 marzo, ha inaugurato due nuove centrali elettriche nelle città  di Sebastopoli e Simferopoli. Le centrali erano state parzialmente avviate lo scorso anno, ma l’inaugurazione del 18 marzo ha segnato il momento in cui hanno iniziato a lavorare a pieno regime, riporta Rferl.

Le due centrali sono state al centro di uno scandalo internazionale dopo che la Siemens ha detto che le sue turbine elettriche erano state installate lì a sua insaputa e in violazione delle sanzioni dell’Ue che vietano la fornitura di tecnologia energetica alla Crimea.

Nel 2017 l’Ue ha ampliato le sanzioni contro imprese e persone russe in risposta al trasferimento delle turbine nella regione occupata dalla Russia. Il ministero degli Esteri russo ha definito la decisione un passo «ostile e ingiustificato». Il Cremlino aveva annunciato la presenza del presidente russo in precedenza.

Il 18 marzo 2014, Putin ha firmato un trattato che annetteva a Mosca la regione della Crimea che era sotto sovranità dell’Ucraina, dopo che le forze russe avevano preso il controllo della penisola e avevano organizzato un referendum, non riconosciuto dalla comunità internazionale. La fiducia di Putin e le valutazioni di sostegno nei sondaggi, significativamente rafforzate dall’annessione della Crimea nel 2014, sono diminuite negli ultimi mesi a causa ai continui problemi economici della Russia.

Ad oggi, la Crimea è una regione russa in rapido sviluppo con un’economia in rapida crescita, riporta Sputnik.

Le entrate fiscali e non fiscali della Crimea sono state pari a 38 miliardi di rubli nel 2017, rispetto ai soli 25 miliardi di rubli del 2015. Nel 2018, la Crimea ha ricevuto 40,6 miliardi di rubli di entrate fiscali e non fiscali. Una zona franca economica che opera dal 2015 e che conta attualmente più di 1.000 residenti, ha contribuito in modo significativo a questa crescita.

La disoccupazione registrata nella regione è scesa ad appena un terzo del livello di inizio 2014, quando la Crimea si è riunificata con la Russia, mentre la domanda di lavoro tra le imprese della Crimea è più che triplicata. Il sostegno statale alle piccole e medie imprese è aumentato di oltre 17 volte. Tuttavia, per una serie di ragioni, la penisola rimane fortemente dipendente dai flussi di cassa provenienti da Mosca. 

Nel febbraio 2019, il governo russo ha approvato un programma federale mirato per lo sviluppo socioeconomico della penisola di Crimea fino al 2022. L’importo totale del finanziamento è di oltre 309 miliardi di rubli, di cui 150,5 miliardi di rubli per il 2019, 120,7 miliardi di rubli per il 2020, 26,3 miliardi di rubli per il 2021 e 12 miliardi di rubli per il 2022.

La Crimea è una popolare destinazione turistica. Un record di 6,8 milioni di persone hanno visitato il Crimea durante la stagione turistica nel 2018, mentre ben 5,2 milioni di turisti hanno visitato la penisola nel 2017.

Anna Lotti