Il Padrino del Cremlino

61

RUSSIA – Mosca 07/12/2013. Andrei Piontkovsky su Ekho Moskvy, giornale liberale che critica Putin, ha fatto una disamina affascinante della dinamica politica tra Putin, Obama e Assad.  Piontkovsky sostiene che Putin è come “Il Padrino ” di Mario Puzo: ha manipolato la situazione al fine di risultarne vincitore.

«Il direttore della rivista Forbes, scrive il giornalista russo, che ha incoronato Putin il politico più autorevole del mondo, spiega la sua scelta così:«Barack Obama ha mostrato debolezza , mentre Vladimir Putin agisce con decisione sulla scena internazionale. Così, quest’anno ha giocato un ruolo chiave nel risolvere la questione siriana. E in verità, la volontà di Putin nel raggiungimento degli obiettivi in Siria, in contrasto con l’impotenza e l’incompetenza di Obama e la maggioranza dei leader occidentali, ha fatto un’impressione scioccante sul mondo. Tradizionali alleati e partner degli Stati Uniti sono stati costretti a pensarci molto (…) un sentimento di profonda soddisfazione a lungo dimenticato ha giustamente riempito i nostri cuori. L’intera classe politica è stato presa dalla gioia; sia la struttura di comando top-down che l’opposizione glamour della società (…) uniti nel sentimento di orgoglio nazionale».

«Ma il fatto principale» prosegue l’analista russo, «è l’incredibile virtuosismo di Putin, che, senza possedere alcuna portaerei, con una economia piuttosto debole, senza una potente intelligence,  è riuscito a fare questo (…) è riuscito a imporre la concezione russa sul mondo. E Obama in questo caso, è rimasto nell’ombra (…) Dopo tutte questi riconoscimenti, proviamo ad analizzare più in dettaglio proprio quello che è successo, e la cosa principale cioè quello che deve ancora accadere in Siria, e anche ciò che, con una brillante mossa, ha portato Putin e Assad a “vincere” in questa fase della crisi siriana. La Siria per la Russia di Putin è molto di più della sola Siria. La sconfitta nella guerra fredda, la perdita dell’impero, e,soprattutto , il saccheggio del paese, ha allontanato la Russia e la suo “elite” dalla serie A della politica mondiale. Ed è questo che crea loro un acuto dolore personale (…) Il politico russo ha sete di grandezza ma ahimè, non ci sono segni oggettivi di questa grandezza nè negli indicatori di sviluppo economico e tecnologico del Paese, né nel tenore di vita, nell’istruzione e nella salute delle persone». Per mascherare queste magagne, «è sufficiente dichiarare un’attenzione particolare alla spiritualità mondiale, alla purezza, all’umanesimo e alla giustizia: il Tempio splendente minacciato da ogni parte dalle forze oscure del globalismo, dell’atlantismo, dell’omosessualità, del wahabismo e del sionismo. Con una tale posa spiritualmente edificante della questione, la politica estera si trasforma automaticamente (…) I primi ministri e i cancellieri d’Europa, tentati da enormi mance, si mettono in fila per ottenere una sicurezza in più dalle stazioni di gas di Putin. Spaventati poi dagli attentati di Boston, i politici americani ripetono lo stesso mantra più e più volte in coro: “Non dobbiamo far impazzire Putin, ci sta aiutando nella guerra al terrorismo internazionale». Putin, in verità, ha disprezzo per i suoi partner del G8 e non ritiene necessario nascondere i suoi veri sentimenti. Ha costretto il Segretario di Stato americano aspettare tre ore nella sua sala d’attesa. La delegazione del Congresso Usa che viene a indagare sull’attentato di Boston si beve che Mosca non sapeva nulla del soggiorno degli Tsarnaev in Russia da gennaio ad agosto 2012. Ed è la Siria che è diventato il soggetto preferito di Mosca: nel sanguinoso conflitto tra sciiti e sunniti, il Cremlino ha scelto il lato di cui stare, socialmente vicino ai suoi fratelli intellettuali, la setta alawita (10 % della popolazione), che è al potere e armata fino ai denti (sia l’esercito e le forze di sicurezza ), e che è opprime la maggioranza sunnita (65 % della popolazione ).

Questa scelta è stata determinata da un quadro paranoico degli eventi degli ultimi anni in Medio Oriente formatosi nella mente delle élite del Cremlino e nella maggior parte della classe politica russa: la “primavera araba” è inventata e organizzata dagli americani, hanno preparato questo scenario per noi (…) In questo sistema, il compito di mantenere Assad al potere ad ogni costo è diventato per Putin profondamente personale (…) In estate, Mosca e Damasco stavano per siglare un contratto per la vendita da parte della Russia al governo siriano di missili S-300 (…) Proprio come quattro anni fa, per gli stessi S-300 all’Iran, il primo ministro israeliano Netanyahu ha fatto subito una visita di emergenza in Russia. Al ritorno, ha annunciato che il suo governo sapeva che cosa avrebbe fatto se gli S-300 fossero stati consegnati alla Siria. Putin fece un passo indietro (…) Nel frattempo, l’interferenza esterna di Hezbollah e delle guardie rivoluzionarie iraniane aveva notevolmente cambiato l’ equilibrio delle forze e abilitato Assad ad ottenere diversi successi militari andando a sbattere in un effetto domino su tutta la regione. Si arriva poi alla questione delle armi chimiche e delk loro uso in Siria: «Se Putin avesse davvero creduto che i ribelli siano in possesso di tali sistemi avanzati di armi chimiche e mezzi per il loro lancio, da tempo avrebbe smesso di lavorare sulla Siria e e avrebbe annullato le Olimpiadi di Sochi  perché ciò significherebbe che i jihadisti del Caucaso del Nord, ampiamente rappresentati oggi in Siria, ne hanno disponibilità (…) Assad e Putin hanno capito che Obama sarebbe stato costretto a reagire in qualche modo di fronte all’attacco, ma al stesso tempo avrebbe disperatamente cercato un occasione per limitarsi solo alle parole». E qui Putin e Assad gli hanno proposto un piano per salvare la faccia: un piano per il disarmo chimico che era stato da tempo delineata dalla diplomazia russa nei negoziati al G8. «Letteralmente nel corso di diversi giorni, Putin e Assad ha sostituito completamente la percezione mondiale nei loro confronti realizzando tutta una serie di obiettivi che erano molto importante per loro:

– ridurre la tragedia siriana esclusivamente a questioni di “disarmo chimico”;

– proteggere Assad da qualsiasi prospettiva di interferenza anche minima da ovest (fornitura di armi) per l’opposizione;

– consentire ad Assad di rimanere al potere e continuare con l’aiuto di Hezbollah, Iran e Russia a distruggere la popolazione sunnita;

– rafforzare nella coscienza pubblica l’interpretazione del Cremlino del diritto internazionale: fare quello che si vuole solo se si è protetti in Consiglio di Sicurezza da Putin stesso (…)

Questa nuova situazione esterna influenza le dinamiche interne della crisi siriana. Prima di tutto, il ruolo e l’influenza degli islamisti radicali sono aumentate notevolmente. Due anni fa , la resistenza della maggioranza sunnita, che in genere era iniziata con manifestazioni pacifiche, era soprattutto laica. Un pieno isolamento diplomatico di Assad lo avrebbe costretto a trovare modi per una trasformazione pacifica del regime. Una setta che costituisce solo il 10 % della popolazione, in ogni caso, non può governare per sempre.

Tuttavia, l’astuzia della propaganda russa ha prevalso: non possiamo aiutare l’opposizione, porteremo i jihadisti al potere», se Assad vincesse: «l giovanI sunnitI non avranno altra via d’uscita se non riempire i ranghi di Al Qaeda in Siria sostenuti dall’Arabia Saudita. Questo scenario si è già realizzato. Molti combattenti si sono uniti ai jihadisti dello Stato Islamico della Siria e l’Iraq.

Un paese situato al centro del Medio Oriente e non lontano dai confini russi davanti ai nostri occhi si trasformerà nella versione peggiore dell’Afghanistan sotto i talebani – in un enorme serbatoio di terrorismo islamico pronto a fuoriuscire».