RUSSIA. Proteste di massa chiedono processi equi

42

Sotto la pioggia Alexei Navalny ha salutato la folla al centro di Mosca, dove almeno 20.000 manifestanti antigovernativi si erano riuniti per chiedere la fine dei processi legati alle precedenti proteste di massa.

Il freddo eccezionale di settembre non ha scoraggiato le decine di migliaia di manifestanti a riunirsi per esprimere la loro opposizione al presidente russo Vladimir Putin e per chiedere il rilascio di 13 attivisti antigovernativi ancora detenuti a Mosca, mentre altri quattro sono stati liberati, ma rimangono sotto inchiesta. È stato il primo evento di massa in cui Navalny è apparso da quando è stato rilasciato il mese scorso dal carcere dove era stato tenuto per 30 giorni per aver organizzato incontri pubblici non autorizzati, riporta VoA.

Slogan contro Putin hanno caratterizzato le manifestazioni durante le quali la polizia ha mantenuto un basso profilo perché la protesta aveva ottenuto il permesso legale dalle autorità della città di Mosca. Più di 1.000 persone sono state arrestate nei mesi di luglio e agosto durante le maggiori manifestazioni di protesta dopo la rielezione di Vladimir Putin alla presidenza nel 2012. Queste proteste non erano state approvate e hanno visto la presenza di oltre 60.000.

Nel 2012, le proteste anti-Putin, finirono in un nulla di fatto, e anche stavolta i manifestanti temono che la nuova ondata di manifestazioni possa fare la stessa fine. La polizia ha stimato i partecipanti a 20.000, gli organizzatori hanno 25.000 persone.

Navalny, figura chiave dell’opposizione che ha riunito gruppi sparsi in tutto lo spettro politico, ha detto che ora il panorama è diverso dal 2012: «La cosa più importante che abbiamo visto oggi è che le proteste a sostegno dei prigionieri politici non sono più di nicchia. Ricordando simili incontri nel 2012-2014, Navalny ha detto che si trattava di piccole manifestazioni; ora vediamo che la difesa dei prigionieri politici è il principale argomento politico. Sempre più persone vengono coinvolte, molte delle quali non si sono mai interessate alla politica prima d’ora. È molto importante e siamo all’inizio. 

Quello che vediamo ora è completamente diverso, in termini di dimensioni e durata. Le proteste precedenti sono rapidamente svanite. Ora nuove persone sono coinvolte». Alla folla, Navalny ha detto: «Dovremmo essere sicuri del nostro potere». Ha chiesto alla folla perché pensavano che il Cremlino avesse rilasciato alcuni attivisti: «Perché hanno una coscienza? Perché si vergognano? Perché hanno figli? No, perché hanno paura che i loro indici di popolarità fossero in calo», ha aggiunto.

Per gli attivisti, la società civile è maturata dal 2012-2014, maggiore è la consapevolezza e la partecipazione politica.

Anna Lotti