Mosca punta sul petrolio artico

53

RUSSIA – Novo – Ogaryovo20/04/2014. L’estrazione di petrolio del giacimento artico Prirazlomnoye nel Mare Artico Artico Pechora aumenterà la produzione di petrolio della Russia consentendogli di aumentare la propria presenza sui mercati energetici.

Lo ha annunciato, il presidente russo Vladimir Putin durante un collegamento video con una piattaforma petrolifera nella regione.
«È l’inizio di uno sforzo massiccio del nostro Paese per estrarre le risorse minerali e il petrolio nell’Artico», ha detto Putin.
«Il progetto aumenterà la presenza della Russia nei mercati energetici globali, rafforzerà la nostra economia nel suo complesso e la nostra industria energetica in particolare», ha aggiunto.
Durante il collegamento video, il presidente si è congratulato con i lavoratori per la prima spedizione di estrazione di petrolio nell’Artico. Putin ha detto che lo sviluppo di questo giacimento darebbe un grande impulso alla macchina dell’economia russa e delle industrie della Russia.
Due enormi rompighiaccio sono stati assegnati alla piattaforma per eseguire la manutenzione per tutto l’anno, fatto che farà anche migliorare il lavoro della società di costruzioni navali della Russia, ha poi aggiunto. Il giacimento Prirazlomnoye è stato scoperto nel 1989 e dovrebbe essere in gradi di garantire circa 70 milioni di tonnellate di petrolio estraibile, con dei rendimenti annui che dovrebbero raggiungere i 6 milioni di tonnellate. La Russia intende estrarre almeno 300mila tonnellate nel 2014. Il progetto di sviluppo ha ottenuto un investimento di circa 90 miliardi di rubli (2,5 miliardi dollari).