Nel mirino le doppie cittadinanze

52

RUSSIA – Mosca. 07/10/14. Una nuova legge divide i russi. Si tratta della norma secondo cui chi ha doppio passaporto lo deve dichiarare obbligatoriamente alle autorità.

A quanto pare la doppia cittadinanza piace ai russi. Uno su sette vorrebbe infatti un secondo passaporto. Secondo un indagine pubblicata dalla testata rbc.ru, un terzo dei russi sostiene che tutti quelli che hanno doppia cittadinanza dovrebbero essere puniti, mentre uno su sette vorrebbe una seconda identità straniera.

L’indagine è stata effettuata nle mese di settembre da “Levada-Center”. La presenza della seconda cittadinanza o residenza in altri paesi è pari all’1% della popolazione, ma il Servizio federale della migrazione ha annunciato che hanno dichairato di averla solo 50 mila persone.
Quasi un terzo degli intervistati (32%) ha sentito parlare delle novità in merito a chi ha doppia cittadinanza o con residenza in un altro paese. Sanno per esempio che devono informare le autorità del Servizio federale di migrazione, secondo l’indagine, “Levada-Center”. I Russi che hanno un passaporto o permesso di soggiorno negli altri paesi è risultato essere solo l’1% degli intervistati. Mentre con un permesso di soggiorno per motivi di lavoro all’estero è risultato essere il 16% dei russi. La percentuale dei giovani con permesso di studio o lavoro all’estero è più elevata degli adulti ha riferito il vice direttore di “Levada Center”, Alexei Grazhdankin. Il desiderio di ottenere la cittadinanza, o il permesso di soggiorno o visto per un lungo soggiorno in altri paesi, interessa il 15% degli intervistati. Tra i giovani, questa percentuale è ancora più elevata, circa il 25% ha riferito Grazhdankin. Anche se i russi sono indifferenti alla soluzione di accettazione familiare di nazionalità straniera (solo il 4% afferma che l’atteggiamento di una persona peggiorerà, 3% – che migliorerà, 88% degli intervistai afferma che il rapporto non cambia), più di un terzo degli intervistati (36%) ritengono che i diritti di chi ha un secondo passaporto devono essere limitati, oppure vanno imposte delle sanzioni contro di loro. Quelli che chiedono sanzioni per chi possiede un secondo passaporto sono coloro che hanno vissuto nella ex Repubblica sovietica sono dei nostalgici. Secondo l’azienda che ha effettuato l’indagine il numero dei osteggiatori del secondo passaporto andranno lentamente attenuando nella misura in cui la legge uscirà dal centro dell’attenzione pubblica, ha detto l’analista politico Alexander Pozhalov. In particolare, i titolari di seconde passaporti e titolari di un permesso di soggiorno in un altro paese dovrebbe essere vietato negli uffici pubblici, secondo il 68% di coloro che hanno favorito restrizioni. Inoltre, non dovrebbe essere consentito di condurre le imprese strategiche (56%), in carica eletti (48%), il lavoro in posizioni di rilievo nei media statale (34%), secondo i sostenitori del divieto. Una minoranza (22%) dice a loro di aumentare l’esclusione dell’imposta sul reddito dal paese (13%), la privazione del diritto all’istruzione gratuita (12%) e la sanità (10%).
L’autore del disegno di legge sulla dichiarazione della seconda cittadinanza Andrei Lugovoi ha detto RBC che non vede alcun problema nel fatto che solo 50.000 persone abbiamo dichiarato dia vere un secondo passaporto. Quelli che non lo faranno saranno fuori legge.