Giornalisti e attivisti nell’elenco russo dei terroristi

15

AUSTRIA – Vienna 14/07/2016. L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) ha espresso preoccupazione per la decisione delle autorità russe di pubblicare quello che hanno definito un «elenco di terroristi ed estremisti».

Si tratta di un elenco che comprende giornalisti e attivisti. «La pubblicazione di questo elenco potrebbe mettere a rischio i giornalisti e mettere a repentaglio la loro sicurezza», ha detto il rappresentante Osce per la libertà dei media, Dunja Mijatovic.
«È responsabilità del governo garantire la sicurezza dei giornalisti, che non dovrebbe metterli in pericolo sulla base dei sospetti di procuratori statali che operano in base ad una legge contro l’estremismo» riporta un comunicato di Mijatovic del 12 luglio, ripreso da Rferl. Le autorità di Mosca hanno elencato 22 persone, nate in Crimea come «terroristi ed estremisti»; L’elenco, pubblicato il 12 luglio dal Rosfinmonitoring, ente creato da un decreto del presidente Vladimir Putin e che riferisce direttamente al presidente russo, comprende giornalisti, attivisti civili e prigionieri politici che hanno criticato l’occupazione di Mosca e l’annessione della Crimea.