RUSSIA. Mosca torna in Africa da grande potenza

62

Negli ultimi anni la Russia è stata impegnata sul continente africano. In questi giorni saranno messi in mostra aspetti nuovi del rinnovato impegno della Russia in Africa. Il presidente Vladimir Putin ha dato il benvenuto a decine di leader nazionali africani a Sochi per una conferenza di due giorni, il primo grande raduno di leader africani in Russia dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991.

Per il Cremlino, riporta Global Security, l’evento sottolineerà l’inversione del ritiro della Russia dal continente e dimostrerà che il paese non è più una potenza mondiale defunta: «È un continente molto importante» ha detto la scorsa settimana il portavoce di Putin Dmitry Peskov ai giornalisti. «La Russia ha cose da offrire in termini di cooperazione reciprocamente vantaggiosa per i paesi africani», ha poi aggiunto.

La presenza della Russia sul continente è stata trascurabile per la maggior parte dei decenni dalla fine dell’Unione Sovietica. La Russia, a corto di denaro e disorientata, si è concentrata su se stessa, ma negli ultimi anni si è ripresa, ravvivando vecchi legami e forgiandone di nuovi. L’Unione Sovietica ha goduto di relazioni estese in tutta l’Africa per decenni attraverso il suo sostegno ai movimenti di liberazione nazionale in Angola, Mozambico o Guinea-Bissau, il suo coinvolgimento nei conflitti dell’Ogaden o del Congo, e il suo corteggiamento del regime dell’Etiopia; quando l’Unione Sovietica è crollata, queste relazioni si sono interrotte bruscamente.

Durante l’era sovietica molti dei leader politici e militari dell’Africa sono stati istruiti in Russia – ora solo tre attuali capi di stato africani hanno fatto l’università in Russia o in uno dei paesi dell’ex Patto di Varsavia. I leader degli stati clienti ex sovietici come l’Angola, dove la Russia ha investito nell’industria dei diamanti, e l’Etiopia sarà tra i 10.000 politici e uomini d’affari provenienti da 35 paesi africani presenti al vertice di Sochi. Ma anche i rappresentanti della Nigeria, dove i russi hanno investito nell’industria del petrolio e del gas, e del Ghana. Nessuno dei due aveva grandi legami con Mosca durante il periodo d’oro della guerra fredda.

Il ministero degli Esteri russo dice che nell’ultimo decennio c’è stato un aumento del 350 per cento nel commercio con i paesi africani. Le aziende russe sono ora coinvolte in alcuni grandi progetti sul continente – tra cui la costruzione della prima centrale nucleare egiziana e lo sviluppo di massicci giacimenti minerari nello Zimbabwe con un accordo da 3 miliardi di dollari in armi per il platino.

Il Cremlino e il mondo del business russo sperano che la conferenza di Sochi porti a maggiori vendite di armi e all’acquisto da parte degli Stati africani di centrali nucleari russe. Altri accordi petroliferi e di materie prime minerarie saranno probabilmente firmati a margine, insieme ad una serie di accordi commerciali più piccoli. Il tutto nel tentativo di aumentare il valore del commercio russo con l’Africa, che l’anno scorso ammontava a circa 20 miliardi di dollari, metà del commercio del continente con la Francia e dieci volte meno di quello cinese.

Il vertice giunge in un momento di stallo della crescita economica della Russia, conseguenza di cinque anni di sanzioni occidentali e del basso prezzo del petrolio. La Russia ha bisogno di nuovi partner commerciali. Ma gli affari e la politica sembrano andare di pari passo nei rapporti della Russia con l’Africa e gran parte dell’attenzione è rivolta alla sicurezza e alla vendita di armi. Negli ultimi cinque anni la Russia ha concluso 23 accordi di cooperazione in materia di sicurezza con i governi africani e, secondo lo Stockholm International Peace Research Institute, Sipri, è ora il più grande fornitore di armi al continente.

Antonio Albanese