RUSSIA. Mosca scommette sul visto elettronico per fare cassa

135

Dal 1° ottobre, San Pietroburgo, ex capitale zarista, ha inaugurato un regime di visti elettronici gratuiti, che prevede 96 ore di “turnaround time” per i cittadini di 53 paesi. Il resto della Federazione Russa, che si estende dai bordi dell’Alaska e del Giappone fino alla sua exclave, Kalinigrad, armata di armi nucleari all’interno dei confini dell’Ue, seguirà l’esempio il 1° gennaio 2021, quando una speciale app renderà il processo ancora più semplice. La tassa non supererà i 50 dollari.

Come riporta il neozelandese Business Day, in un mondo in cui anche il regno notoriamente rigido dell’Arabia Saudita si sta aprendo al turismo, la Russia ha appena iniziato. Finora, il Cremlino aveva resistito agli appelli dei ministeri competenti di dar vita a flussi turistici significativi in modo da fare cassa. Ci sono voluti i Mondiali di calcio del 2018, e le necessarie entrate provenienti da 3 milioni di tifosi a cui è stato concesso l’accesso senza visto, per convincere Putin che l’apparato amministrativo russo fosse in grado di gestire un enorme afflusso di stranieri senza compromettere la sicurezza nazionale.

L’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite, si è svolta in Russia quest’anno per la prima volta e ha visto Putin partecipare in videoconferenza. 

Parlando facilmente tra russo, spagnolo e inglese, il presidente russo ha detto che la Rostourism ha seguito l’esempio dei leader del settore: Francia, Spagna e Stati Uniti, che insieme gestiscono circa un quarto di un miliardo di visitatori all’anno.

Particolarmente assenti dalla lista dei visti elettronici sono i membri della cosiddetta Five Eyes Intelligence Sharing Alliance: Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Canada e Nuova Zelanda. Le persone provenienti da questi paesi sono ancora benvenute, ma dovranno fare richiesta nella maniera tradizionale.

Anche senza le principali nazioni anglofone, i funzionari del turismo russo affermano che Putin si è convinto dalle previsioni sulle entrate: quelle del turismo supererebbero invochi anni quelle derivanti dalla vendita di armi. Secondo il vice ministro dell’Economia Sergey Galkin, l’agevolazione dell’ingresso della maggior parte della popolazione mondiale si sposa anche con il soft power che il Cremlino ama proiettare, contribuendo a contrastare l’immagine di pericolo per il mondo: «Vogliamo che gli stranieri guardino la Russia non attraverso lo schermo di Fox News, ma attraverso le persone che incontreranno qui».

Il suo Ministero prevede che i visti elettronici triplicherà il reddito del settore nel 2035 portandolo a 29 miliardi di dollari, paragonabile a quanto i russi hanno speso all’estero in 2018, catapultando il paese nelle principali 10 destinazioni turistiche. La Russia ha ospitato 25 milioni di turisti lo scorso anno, ma solo un terzo circa di questi proveniva dall’esterno dell’ex Unione Sovietica.

Steso su 11 fusi orari, il paese più grande del mondo ha molto da mostrare; San Pietroburgo rimane la prima attrazione del paese. 

I visti elettronici avranno una validità di otto giorni, un arco di tempo che si raddoppierà a 16 giorni con l’introduzione del sistema nazionale. I funzionari comunali hanno dichiarato di aver ricevuto più di 3.500 domande il primo giorno del nuovo regime.

La Russia sta anche ponendo fine all’obbligo che i visitatori si registrino presso le autorità una volta arrivati, ostacolo burocratico dell’era comunista che tormenta gli ospiti di hotel e piattaforme di prenotazione on line che dovrebbe terminare nel 2021.

Nel frattempo, il Rostourism è nella fase iniziale della creazione della prima campagna pubblicitaria mondiale della Russia, non diversamente da “Rendez-vous en France” o “Incredible India”. Il tema non è stato ancora definito. Anche se la Russia è salita di quattro posizioni nella classifica della competitività turistica del World Economic Forum’s Travel & Tourism Competitiveness dal 2017, al 39° posto, continua ad essere in ritardo rispetto alle nazioni relativamente più povere, tra cui Brasile e India.

Anna Lotti