RUSSIA. Mosca giudica rischiosa una maggiore attività navale Nato nel Mar Nero

100

L’ambasciatrice degli Stati Uniti alla Nato, Kay Bailey Hutchison aveva annunciato il 2 aprile che gli Stati Uniti stavano lavorando ad un pacchetto di misure che includeva sorveglianza aerea dell’area e altre navi della Nato che entravano nel Mar Nero. Il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha detto che il Cremlino considera tale proposta «negativamente», riporta France24

Secondo Sputnik: «Non capiamo cosa si intende: la situazione con lo Stretto di Kerch e la sua navigazione è ben nota, e in conformità con il diritto internazionale, la posizione della Russia è molto coerente, ed è anche ben nota», ha detto Peskov in merito alla dichiarazione della Nato sui piani per l’invio di navi allo Stretto di Kerch. Quando gli è stato chiesto in quali circostanze la Russia potrebbe consentire alle navi della NATO di entrare nello Stretto di Kerch, Peskov ha detto che Mosca ritiene che gli argomenti ipotetici non siano corretti, aggiungendo che una decisione sarà presa se una richiesta pertinente viene ricevuta.

Parlando sulla medesima questione, il vice ministro degli Esteri russo Alexander Grushko ha detto il 3 aprile che un aumento delle attività della Nato nel Mar Nero comporta rischi per la sicurezza dell’intera regione: «Le nostre posizioni sono chiare: qualsiasi sforzo della Nato nella regione del Mar Nero non ha senso dal punto di vista militare. Non rafforzeranno la sicurezza della regione o della Nato stessa, ma saranno associati ad ulteriori rischi militari (…) Se sono necessarie ulteriori misure militari e tecniche da parte nostra, le adotteremo», ha detto Grushko ripreso da Interfax.

In novembre, la Russia ha sparato e ha sequestrato tre navi della marina ucraina, catturandone gli equipaggi, vicino allo stretto di Kerch, mentre cercavano di passare dal Mar Nero al Mar d’Azov.

Si è trattato del primo scontro militare aperto tra Kiev e Mosca dal 2014, quando la Russia ha annesso la Crimea ed è scoppiata una insurrezione filo-russa in Ucraina orientale.

Graziella Giangiulio