RUSSIA. Mosca e Pechino de-dollarizzano l’economia

222

La più grande banca russa, Sberbank, sta progettando di aumentare l’offerta di oro alla Cina fino a 10-15 tonnellate nel 2018. Sia il rublo russo che lo yuan cinese sono garantiti dall’oro, questo passo fa parte della “de-dollarizzazione” delle loro economie, secondo Sputnik.

Questa decisione di Sberbank è solo una continuazione degli accordi economici e commerciali tra Mosca e Pechino. «L’intero sistema monetario occidentale è prodotto privatamente; tutti i trasferimenti internazionali devono transitare attraverso le banche di Wall Street e questo è l’unico motivo per cui gli Stati Uniti possono in realtà sanzionare quei “paesi che non si comportano secondo il dettato di Washington”», riporta Sputnik. Cina e Russia si stanno muovendo rapidamente verso la completa indipendenza dalle economie occidentali. La Shanghai Cooperation Organization e i paesi Brics non hanno veramente bisogno dell’Occidente per sopravvivere perché costituiscono la metà della popolazione mondiale.

Cina e la Russia sono poi i più grandi produttori d’oro del mondo e l’unico problema con l’oro oggi è che è completamente assuefatto al sistema monetario occidentale. Negli ultimi cinque anni la Cina, la Russia e altri membri della Sco si stanno scambiando idrocarburi non più usando dollari Usa, ma nelle loro valute locali o in oro.

Negli anni Settanta, gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita, paese guida dell’Opec, avevano un accordo in base al quale l’Arabia Saudita avrebbe fatto in modo che tutti i paesi del Medio-oriente pagassero e fossero pagati solo in dollari, e quei paesi che erano contrari affrontarono pesanti punizioni.

«Chi voleva discostarsi da questa norma illegittima ha dovuto pagare caro la sua scelta, come Saddam Hussein, quando annunciò che avrebbe venduto il suo petrolio in euro anziché in dollari; e tutti sappiamo cosa gli è successo. Sappiamo anche cosa è successo a Gheddafi che aveva idee simili, e anche l’Iran è stato improvvisamente accusato di avere armi nucleari», prosegue Sputnik.

In questo momento la Cina e la Russia offrono un’ alternativa al sistema del dollaro

Igor Bulantsev, capo di Sberbank Cib, il dipartimento investimenti della banca, ha detto che nel mese di luglio una banca affiliata in Svizzera ha iniziato a negoziare oro sul mercato azionario di Shanghai. «Secondo l’accordo pilota, abbiamo consegnato 200 chilogrammi di lingotti d’oro alle istituzioni finanziarie cinesi. Quest’anno stiamo progettando di consegnare inoltre circa 3-5 tonnellate d’oro alla Cina. Il prossimo anno prevediamo un aumento delle consegne in Cina fino a 10-15 tonnellate. Forse supereremo forse anche questo dato», ha detto Igor Bulantsev in vista del terzo Forum economico orientale, Fei, a Vladivostok, svoltosi il 6 il 7settembre. Bulantsev ha aggiunto che nel febbraio 2017 la filiale di Sberbank in Svizzera ha iniziato a fornire oro all’India.

Graziella Giangiulio