RUSSIA. Mosca continuerà a vendere il petrolio iraniano

65

Il ministro russo dell’energia Alexander Novak ha detto che Mosca sosterrà l’Iran per contrastare le sanzioni petrolifere statunitensi. Washington ha ristabilito le sanzioni su Teheran, che precedentemente erano state sospese nell’ambito dell’accordo nucleare del 2015.

In un’intervista con il quotidiano britannico Financial Times, ripresa da al Jazeera, Novak ha detto che la Russia sta cercando di continuare a commerciare il petrolio greggio iraniano oltre il cut-off del 5 novembre. «Crediamo che dovremmo cercare meccanismi che ci permettano di continuare a sviluppare la cooperazione con i nostri partner, con l’Iran», ha detto Novak.

Nell’ambito di un accordo Oil-for-goods del 2014, Mosca vende il petrolio iraniano, così che Teheran utilizzi i ricavi di quelle vendite per pagare i beni e servizi russi. Il ministero russo dell’Energia ha detto al FT che il commercio continuerà la prossima settimana, mentre Novak ha detto che Mosca considerava le sanzioni statunitensi “illegali”.

«Viviamo già in condizioni di sanzioni (…) Non riconosciamo le sanzioni introdotte unilateralmente senza le Nazioni Unite, le consideriamo di per sé illegali». Colpendo i settori navale, finanziario ed energetico dell’Iran, le sanzioni sono la seconda serie ad essere impostata dall’Amministrazione Trump, che si è ritirata unilateralmente dall’accordo nucleare a maggio. L’accordo del 2015, che includeva anche Gran Bretagna, Cina, Francia, Russia, Germania e Unione Europea come firmatari, ha dato all’Iran la liberazione dalle sanzioni in cambio di restrizioni sul suo programma nucleare.

Mentre Trump ha fatto uscire gli Stati Uniti dall’accordo, le altre parti l’hanno fortemente difeso e si sono impegnate a cercare di proteggerlo. Gran Bretagna, Germania, Francia e Ue hanno annunciato l’intenzione di istituire un veicolo finanziario “a scopo speciale” che permetterebbe di continuare il commercio tra Europa e Iran.

Gli europei hanno dichiarato venerdì di “profondamente rammaricarsi” della reintroduzione di sanzioni e di voler lavorare per garantire che il commercio legittimo con l’Iran possa continuare: «La nostra volontà collettiva di portare a termine questo lavoro è incrollabile», hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta.

Antonio Albanese