RUSSIA. Medici lasciati senza protezioni

31

Non ci sono manifestazioni pubbliche quotidiane di gratitudine per i medici e gli infermieri russi durante la crisi del coronavirus come in Occidente. Invece di applausi, affrontano la diffidenza, la bassa retribuzione e persino un’aperta ostilità.

I residenti vicino al Centro nazionale di ricerca medica per l’endocrinologia, un ospedale di Mosca che ora cura i pazienti affetti da virus, si sono lamentati quando hanno visto gli operatori sanitari uscire dall’edificio in piena protezione, temendo che diffondessero il contagio. L’epidemia ha messo un’enorme pressione sulla comunità medica russa. Mentre i media statali salutano alcuni di loro come eroi, molti medici e infermieri, riporta Associated Press, dicono che stanno combattendo sia il virus che un sistema che non riesce a sostenerli.

Denunciano la carenza di dispositivi di protezione, e molti dicono di essere stati minacciati di licenziamento o addirittura di essere perseguiti per aver reso pubbliche le loro denunce. Alcuni si sono dimessi e alcuni sono sospettati di essersi suicidati. Il governo insiste sul fatto che le carenze sono isolate e non sono diffuse.

L’antipatia verso la professione medica è diffusa in Russia, dicono studi di antropologia sociale fatti sui post dei social media che vendono teorie cospirative sul virus. Più di 100 teorie studiate dicono che i medici diagnosticano i casi di Covid-19 in modo da poter ottenere più soldi; altri dicono che aiutano il governo a coprire l’epidemia.

La fiducia nelle istituzioni governative è sempre stata bassa in Russia, secondo i sondaggi, e la maggior parte dei suoi ospedali sono gestiti dallo Stato. La Russia sta lottando contro la pandemia, con oltre 300.000 infezioni e 2.972 morti. Il governo ha contestato i critici che hanno messo in discussione il numero relativamente basso di morti.

Le dichiarazioni ufficiali e i notiziari in più di 70 regioni russe mostrano che almeno 9.479 operatori sanitari sono stati infettati dal virus nell’ultimo mese, e più di 70 sono morti. Gli operatori sanitari ritengono che il numero di morti sia molto più alto e hanno compilato una lista di oltre 250.

Alla frustrazione si aggiunge la retribuzione. Gli operatori sanitari dicono di non aver ricevuto i bonus che il governo ha promesso loro per il lavoro con i pazienti affetti da coronavirus. All’inizio di aprile, Putin ha promesso personalmente generosi bonus agli stipendi mensili – circa 1.100 dollari per i medici, 680 dollari per infermieri e paramedici e 340 dollari per gli inservienti.

Un mese dopo, i social media sono stati riempiti di foto di buste paga che riflettevano bonus da 10 a 100 volte più piccoli di quanto promesso. Più di 110mila persone hanno firmato una petizione online chiedendo al governo di mantenere la sua promessa. Decine di paramedici hanno protestato nella regione di Nizhny Novgorod, 400 chilometri a est di Mosca, e altri punti dalla Siberia al sud della Russia hanno fatto video che chiedevano i bonus.

Antonio Albanese