Donna russa dietro attentato a Tripoli

48

LIBIA – Tripoli. 03/10/13. Ancora ignote le cause dell’attacco all’ambasciata russa a Tripoli. Secondo l’agenzia di Stampa ITAR TASS, russa, dietro all’attentato vi sarebbero motivi personali e non politici. Ovvero una sorta di rivalsa da parte dei libici contro l’uccisione di un militare e il ferimento della anziana madre da parte di una cittadina russo. Il rappresentante dell’ambasciata russa a Tripoli ha parlato di «situazione che è nata a sfondo sociale». «Fortunatamente, nessuno del personale dell’ambasciata è fatto male» – ha aggiunto.

 

Di certo c’è che da ieri in Libia c’è un missione russa in visita al primo ministro della Libia , Ali Mohammed Zeidan e Ministro degli Esteri Mohamed Abdelaziz .

L’attacco è avvenuto mercoledì sera da parte di sconosciuti. Secondo il Ministero degli Affari Interni della Libia , circa una dozzina di uomini armati hanno aperto il fuoco contro l’ambasciata. Dopo l’arrivo sulla scena delle forze di sicurezza , gli aggressori sono fuggiti in una direzione sconosciuta . Nessuno dei diplomatici e guardie di sicurezza locali si è fatto male , l’edificio dell’ambasciata ha subito danni minori .

Secondo l’agenzia di stampa cinese Xinhua decine di uomini armati, vestiti in borghese, hanno sparato presso l’ambasciata russa nel centro di Tripoli, con armi leggere. I militanti hanno poi dato fuoco agli edifici dell’ambasciata e strappato la bandiera nazionale russa, secondo la fonte.

Secondo i residenti nelle vicinanze, gli uomini armati hanno portato via diverse persone dall’ambasciata russa. Non è immediatamente noto se quelle rapite erano cittadini russi o persone locali. Il Ministero degli Esteri russo ha rilasciato una dichiarazione Mercoledì per confermare l’incidente.

«C’è stato un incidente a Tripoli questa notte, in cui c’era bombardamenti e tentativi di entrare nel territorio dell’ambasciata russa in questo paese», ha detto l’ambasciata russa in una dichiarazione.