RUSSIA. Le superpotenze del futuro sono Cina e Germania

142

L’era in cui gli Stati Uniti e la Russia hanno deciso le questioni più importanti del mondo è oramai nel passato, ha detto il Presidente russo Vladimir Putin la scorsa settimana, dicendo che la Cina e la Germania si stavano dirigendo verso lo status di superpotenza.

Parlando durante un incontro del Valdai Discussion Club, Putin ha suggerito che il ruolo degli Stati Uniti è calato, insieme a quello di Gran Bretagna e Francia, mentre Pechino e Berlino, in termini di peso politico ed economico, si stavano dirigendo verso lo status di superpotenza.

Se Washington non era pronta a discutere i problemi globali con Mosca, la Russia era pronta ad avere quella discussione con le altre nazioni, ha detto Putin, che parlava in collegamento video, riporta Reuters. Il presidente russo ha detto che Washington non poteva più rivendicare l’eccezionalità e si è chiesto perché avrebbe voluto farlo.

In vista delle elezioni presidenziali americane del 3 novembre, Putin ha detto di sperare che la nuova amministrazione sia pronta per il dialogo sulla sicurezza e il controllo degli armamenti nucleari.

Washington ha già respinto una proposta russa per una proroga incondizionata di un anno dell’ultimo trattato che limitava il dispiegamento di armi nucleari strategiche statunitensi e russe, definendo il suggerimento “un non-avvio”.

Il nuovo accordo Start (Strategic Arms Reduction Treaty), firmato nel 2010, scadrà a febbraio 2021. Limita il numero di testate nucleari strategiche che la Russia e gli Stati Uniti possono dispiegare, così come i missili e i bombardieri che le trasportano. Nonostante le loro differenze, Mosca e Washington sembrano però avvicinarsi di fatto a un accordo definito New Start.

Il New Strategic Arms Reduction Treaty è un trattato di riduzione delle armi nucleari tra gli Stati Uniti e la Federazione Russa con il nome formale di “Misure per l’ulteriore riduzione e limitazione delle armi strategiche offensive”. È stato firmato l’8 aprile 2010 a Praga e, dopo la ratifica, è entrato in vigore il 5 febbraio 2011.

Graziella Giangiulio