RUSSIA. L’Artico è la nuova Casa Russia 

127

Il presidente Vladimir Putin ha presentato il programma per assicurare la presenza della Russia nell’Artico, compresi gli sforzi per costruire nuovi porti e altre infrastrutture e ampliare la flotta rompighiaccio. Parlando al forum artico di San Pietroburgo, al quale hanno partecipato leader di Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia, Putin ha dichiarato che la Russia prevede di aumentare drasticamente le spedizioni di merci attraverso la rotta artica.

Il presidente russo ha detto che la quantità di carico trasportato attraverso la via artica è destinato ad aumentare da 20 milioni di tonnellate registrate lo scorso anno a 80 milioni di tonnellate nel 2025. «È un obiettivo realistico, ben calcolato e concreto (…) Dobbiamo rendere la rotta del Mare del Nord sicura e commercialmente fattibile», ha detto Putin, secondo cui la Russia, l’unica nazione con una flotta di rompighiaccio nucleare, si sta muovendo per espanderla, riporta Ap. La Russia ha attualmente quattro rompighiaccio nucleari, e tre nuove navi di questo tipo sono attualmente in costruzione. Entro il 2035, la Russia avrà una flotta di 13 rompighiaccio pesanti, compresi nove rompighiaccio nucleari, ha aggiunto Putin.

Il leader russo ha detto che la Russia prevede di espandere i porti su entrambi i lati della rotta artica, Murmansk sulla penisola di Kola e Petropavlovsk-Kamchatsky sulla penisola di Kamchatka, e ha invitato le aziende straniere a investire nel progetto di ricostruzione. Anche altri porti e infrastrutture lungo il percorso saranno aggiornati e ampliati, ha detto.

La Russia, gli Stati Uniti, il Canada, la Danimarca e la Norvegia hanno tutti cercato di affermare la giurisdizione su parti dell’Artico, poiché il restringimento dei ghiacci polari crea nuove opportunità per l’esplorazione delle risorse e nuove rotte di navigazione.

L’esercito russo ha rinnovato e modernizzato una serie di basi militari di epoca sovietica in tutta la regione polare, cercando di rafforzare la sua presenza sulla regione, che si ritiene possa contenere fino a un quarto del petrolio e del gas non scoperto della Terra. Al forum, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha detto che i dispiegamenti militari nell’Artico sono destinati a proteggere gli interessi nazionali: «Garantiamo la necessaria capacità di difesa in vista della situazione politico-militare vicino ai nostri confini», ha detto Lavrov, notando che una recente esercitazione Nato in Norvegia è stata apertamente diretta contro la Russia.

Antonio Albanese