RUSSIA. L’Armata russa ora può combattere ovunque

295

«L’esercito russo può ora combattere nelle parti più remote del mondo, un fatto che solo sei anni fa non era possibile», ha detto il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, in una sessione della commissione Difesa della Camera bassa russa. Shoigu, riporta Sputnik, ha spiegato come la situazione delle forze armate del Paese sia migliorata; quante armi l’esercito russo ha testato in Siria e come sono aumentate le capacità missilistiche delle forze armate russe. Il discorso di Shoigu si è concentrato sulla preparazione della difesa russa e sulle questioni giuridiche correlate, nel periodo 2012- 2018.

«Nel 2012, la composizione delle forze di stand-by comprendeva solo 16 formazioni. Erano state formate brigate al posto delle divisioni e la forza arrivava al 50-75 per cento. La prontezza al combattimento in un’ora non era mai stata raggiunta (…) Nel 2012, l’uso delle forze armate in una regione remota era fuori questione. Non c’era nessuno per combattere e non c’erano armi. A quel tempo, l’addestramento per le operazioni tattiche era effettuato a bassa intensità», ha detto il Ministro. Dal 2015, le truppe russe partecipano alle operazioni contro i gruppi terroristici in Siria «in totale, abbiamo testato 316 tipi di armi moderne in Siria», ha detto Shoigu.

Le forze armate russe hanno ricevuto 109 missili balistici intercontinentali, così come 108 missili balistici lanciati sottomarini nel periodo 2012-2018:«In sei anni, le Forze Armate hanno ricevuto 109 missili balistici intercontinentali Yars; 108 missili balistici lanciati sottomarini; tre incrociatori lanciamissili strategici Borei; 57 veicoli aerei; sette sottomarini… 3.712 carri armati nuovi e migliorati e altri veicoli corazzati da combattimento; più di 1.000 aerei ed elicotteri; 161 navi», queste forniture secondo Shouigu hanno permesso di riarmare 12 reggimenti missilistici con sistemi Yars, 10 brigate missilistiche con sistemi Iskander, 13 reggimenti aerei con MiG-31BM, Su-35S, Su-30SM e Su-34 caccia, tre brigate militari e sei reggimenti di elicotteri con elicotteri Ka-52 e Mi-28. Venti reggimenti missilistici antiaerei sono stati riarmati con il sistema missilistico antiaereo S-400, 23 divisioni con il complesso Pantsir-S, 17 divisioni con sistemi missilistici Bal e Bastion.

Grazie all’esperienza siriana, le truppe russe hanno ricevuto nuovi missili leggeri di portata fino a 15 chilometri per elicotteri. Secondo il ministro, tali missili possono essere utilizzati senza diventare obiettivi della difesa aerea del nemico.

La Russia, poi, ha aumentato il numero dei suoi missili da crociera di 30 volte nel corso dei sei anni, e il numero dei loro vettori è aumentato di oltre 12 volte. Secondo le informazioni fornite dal ministro, nel 2012 non c’era praticamente nessuna arma di precisione a lungo raggio nelle forze armate.

Secondo il ministro, tre unità di velivoli senza pilota dell’esercito erano dotate di 91 sistemi obsoleti con veicoli aerei senza pilota degli anni Settanta. “Le loro caratteristiche non permettevano loro di svolgere compiti nel combattimento moderno”, ha dichiarato. L’esercito russo ha ricevuto nuove opportunità per l’esplorazione e la distruzione di obiettivi nemici con l’aiuto di droni, nel cui sviluppo è stato fatto un “salto qualitativo in avanti”, ha detto Shoigu. L’esercito russo nel 2019 riceverà per la prima volta i droni da ricognizione.

Dal 2012, il numero di russi che valutano negativamente le attività delle forze armate russe è sceso al 7 per cento dal 31 per cento «i sondaggi d’opinione condotti negli ultimi 2-3 anni dimostrano che circa il 90% della popolazione del paese si fida dell’esercito russo», ha detto il Ministro. Dal 2012, il loro numero è più che raddoppiato, arrivando quasi a 400.000 unità.

Anna Lotti