RUSSIA. La Flotta russa si addestra sul Baltico davanti alla NATO

59

Circa 70 navi da combattimento, navi da supporto e 58 aerei della marina Russa e della Forza Aerospaziale, 10.634 soldati, stanno prendendo parte alle esercitazioni Ocean Shield 2019 nel Mar Baltico. Il ministero della Difesa della Russia ha dato la notizia la settimana scorsa, ripresa dalla Tass. Le esercitazioni navali Ocean Shield si svolgono dal 1 al 9 agosto nel Mar Baltico sotto la direzione del Comandante in Capo della Marina Russa, ammiraglio Nikolai Yevmenov, ha detto il ministero.

«Nel complesso, le esercitazioni coinvolgono 49 navi da guerra e mezzi da combattimento, 20 navi di supporto, 58 aerei della Marina e della Forza Aerospaziale e 10.634 membri del personale delle Forze Armate Russe», si legge nel comunicato del Ministero. Il raggruppamento navale comprende principalmente navi da guerra e navi che hanno partecipato alla parata navale principale della Russia a San Pietroburgo e Kronshtadt il 28 luglio, ha aggiunto il ministero.

Le esercitazioni prevedono il dispiegamento del raggruppamento sia della flotta che le capacità di comando delle forze della flotta, viene così testata anche la preparazione della Marina per la difesa degli interessi nazionali della Russia.

La Marina russa ha tenuto le sue prime esercitazioni Ocean Shield nella storia moderna del paese l’anno scorso nel Mar Mediterraneo. Si sono svolte tra il 1 e l’8 settembre 2018 e impiegato 26 navi da combattimento, due sottomarini, 34 aerei della marina russa e la forza aerospaziale. Come parte delle manovre navali, i marinai hanno utilizzato missili lanciati dalle navi da guerra, elicotteri e aerei. Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu aveva dichiarato e ha confermato che le esercitazioni su larga scala Ocean Shield che coinvolgono le forze navali e aeree si terranno su base regolare. 

Stando a Interfax, le navi della marina russa sono state dispiegate in aree designate del Mar Baltico per addestrare la difesa anti-sub, aerea e anti-sabotaggio come parte dell’esercizio Oceanic Shield 2019. «Al momento, le navi di varie classi che interagiscono con aerei e sottomarini stanno addestrando la difesa anti-sub, aerea e anti-sabotaggio all’interno di task force tattiche e gruppi di attacco navale», ha detto il ministero russo

Il presidente russo Vladimir Putin aveva detto in occasione della “Giornata della Marina”, che la Marina militare deve diventare più forte. Solo un mese fa l’Ucraina e la NATO avevano condotto una manovra congiunta nel Mar Nero.

La manovra non era stata annunciata prima, e gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Svezia sembravano preoccupati per gli esercizi e mandavano i piloti di sorveglianza sulla costa finlandese per tenere d’occhio la marina russa. 

Antonio Albanese