RUSSIA. L’81% dei russi approva Putin

116

Il lavoro di Vladimir Putin come presidente della Russia stato approvato dall’81% dei russi e il 64% degli intervistati voterebbe per lui, se le elezioni presidenziali si fossero svolte il 2 aprile.  Si tratta dei risultati usciti da un sondaggio condotto dall’Istituto Obshchestvennoye Mneniye, ФОМ e pubblicati il 31 marzo.

Lo studio è stato condotto tra il 25 e il 26 marzo. Vi hanno partecipato 3000 intervistati in 207 insediamenti di 73 regioni della Russia.

Il dieci per cento degli intervistati, riporta Ria Novosti, voterebbe alle elezioni presidenziali per il leader Ldpr Vladimir Zhirinovsky, il 4% avrebbe votato per il  leader del partito comunista Gennady Zyuganov, e il 2% per l’uomo d’affari Mikhail Prokhorov.

Allo stesso modo, il 9% non sarebbe andato alle urne.

Il presidente uscente Vladimir Putin è stato considerato degno di fiducia dal 78% dei partecipanti al sondaggio. Anche il primo ministro russo Dmitry Medvedev è stato considerato attendibile dal 41% dei russi. Le opinioni sul lavoro della guida del governo sono per divise: il 43% ha valutato il suo lavoro come “buono” e il 39% come “scarso”.

Secondo lo studio, se il 2 aprile si fosse votato di nuovo per le elezioni della Duma di Stato, i voti sarebbero statico ripartiti: per il partito “Russia Unita” avrebbe votato il 47% dei russi, per il Partito Liberal Democratico il 12%, per il Partito Comunista l’8%, e per il partito “Russia Giusta” il 4%. Infine il dato sull’astensione: non sarebbe andato alle urne il 10% degli intervistati.

Già ad ottobre 2016, un altro sondaggio aveva registrato un simile gradimento. Allora la percentuale di russi secondo cui Vladimir Putin debba continuare a guidare il paese dopo le elezioni presidenziali del 2018 era salito in quattro anni ed era al 63 per cento.

Il centro di ricerca indipendente Levada aveva infatti detto che la quota di russi favorevole alla prosecuzione della presidenza di Putin per un altro termine era allora al 63 per cento.

Anna Lotti