Mosca: Pmi, legge sul limite di capitale straniero

76

RUSSIA – Mosca. 16/11/14. Il Ministero dello Sviluppo economico ha proposto un disegno di legge che modifica la quota di capitali stranieri nelle pmi.

Con la nuova legge il capitale straniero nelle piccole e medie imprese russe può arrivare ad un massimo 49% mentre per le grandi imprese non supera il 25%. Il disegno di legge è stato preparato per i residenti della “Skolkovo”, ma si espanderà alle piccole imprese di tutta la Russia. Essi saranno in grado di beneficiare di ulteriori vantaggi e una quota garantita di partecipazione dello stato. All’inizio del 2014 in Russia sono stati registrati 5,6 milioni di piccole e medie imprese (il 25% della popolazione economicamente attiva), di cui la stragrande maggioranza – sono gli imprenditori individuali (62,8%) e micro-imprese con fatturato fino a 60 milioni di rubli. E che impiegano fino a 15 persone (32,7%), spiega il direttore del Dipartimento di Affari e Servizi della Camera di Commercio, Anna Palagina. Questa limitazione non si applica alle imprese impegnate nella realizzazione della proprietà intellettuale (programmi per computer, banche dati, e altre invenzioni), i diritti esclusivi di cui fanno parte i fondatori di queste aziende, sono specificati del progetto gli autori.
Il disegno di legge concordato con il Ministero delle Finanze e presentato al governo, ha detto il rappresentante del Ministero dello Sviluppo Economico di RBC.