RUSSIA. Il Pugnale Artico di Putin

67

Un intercettore MiG-31K ha effettuato un test del missile ipersonico Kinjal (Pugnale) sui cieli artici della Russia a metà novembre.

Stando alla Tass che riporta fonti militari: «A metà novembre, un jet MiG-31K ha sparato per la prima volta un Kinjal nell’Artico russo a Pemboy (situato a nord-est di Vorkuta) (…) I test si sono svolti a metà novembre. Il missile è stato lanciato su un obiettivo di terra situato sul campo di addestramento di Pemboy, il MiG-31K è decollato dall’aerodromo di Olenegorsk (…) la velocità del razzo ha raggiunto i 10 Mach».

L’intercettore MiG-31K era decollato, appunto dall’aeroporto di Olenegorsk nella regione settentrionale di Murmansk e ha sparato il missile contro un bersaglio terrestre al campo di addestramento di Pemboi nella regione russa dell’Artico Komi, riporta Reuters.

La notizia è arrivata il giorno dopo che i servizi segreti danesi avevano avvertito sull’intensificare della rivalità geopolitica nel Nord terrestre, e avevano detto anche che l’esercito cinese utilizzasse sempre più spesso la ricerca scientifica nell’Artico come via di accesso alla regione.

Il Servizio di intelligence della difesa danese aveva dichiarato nella sua relazione annuale di valutazione dei rischi uscita il 29 novembre che «si sta formando un grande gioco di potere» tra Russia, Stati Uniti e Cina, che sta aumentando il livello di tensione nella regione artica.

Il presidente russo Vladimir Putin aveva rivelato l’esistenza del Kinjal nel marzo 2018 insieme ad altri sistemi missilistici che aveva definito imbattibili, descrivendo come avrebbero potuto eludere qualsiasi difesa nemica.

I media russi hanno detto che il Kinjal può colpire obiettivi fino a 2.000 km di distanza con testate nucleari o convenzionali e che i missili sono già stati dispiegati nel distretto militare meridionale della Russia.

Il Kinjal è una delle ultime novità militari cui si accompagna il MiG-31K, suo vettore. Secondo i media, il Kinjal è la versione aerea del missile terrestre Iskander. Attualmente, uno squadrone di MiG-31K con missili ipersonici è in servizio di combattimento nel Distretto militare meridionale.

Anna Lotti