RUSSIA. Ghiaccio artico troppo fine per il rompighiaccio nucleare

66

Dopo che l’ultimo rompighiaccio della Russia, l’Arktika a propulsione nucleare, ha raggiunto il Polo Nord durante il suo viaggio inaugurale, Atomflot ha inviato un comunicato stampa affermando che la nave aveva confermato le sue caratteristiche navigando attraverso tre metri di ghiaccio lungo il tragitto verso il Polo Nord. La TASS, però, riportava le parole del team di controllo del rompighiaccio, secondo cui devono essere effettuati nuovi test sul ghiaccio, perché ora i test sul ghiaccio non hanno funzionato, lo spessore del ghiaccio era da 1,1 a 1,2 metri. Era sottile e sciolto; il rompighiaccio non ha ricevuto alcuna resistenza dalla superficie.

Come riporta Arctic Today, attualmente, l’intera rotta del Mare del Nord a nord della Siberia, dal Mar di Kara allo Stretto di Bering, è in mare aperto. Il ghiaccio marino vicino al Polo Nord non è mai stato segnalato più debole e sottile di quest’anno; ghiaccio marino pluriennale si trova attualmente solo nelle acque a nord del Canada, dell’Alaska e della Groenlandia.

In partenza dal cantiere navale baltico di San Pietroburgo il 22 settembre, Arktika ha navigato direttamente verso il Polo Nord prima di dirigersi a sud e di arrivare il 12 ottobre al suo nuovo porto, Murmansk.

A partire da dicembre, Arktika inizierà ad navigare attraverso il ghiaccio lungo la rotta del Mare del Nord. La prossima estate, tuttavia, sarà installato un nuovo motore di propulsione a dritta, poiché quello originale ha subito un corto circuito e ha smesso di funzionare dopo le prove di navigazione nel Golfo di Finlandia nel febbraio di quest’anno. Arktika ha tre motori di propulsione simili.

Il rompighiaccio è il primo di una serie di cinque navi a propulsione nucleare del Progetto 22220. Le altre quattro navi della classe si chiamano Sibir, Ural, Yakutiya e Chukotka. Si prevede che entreranno in funzione dal 2021 al 2027. Tutte avranno sede a Murmansk, ma opereranno principalmente lungo il settore orientale della rotta del Mare del Nord.

Anna Lotti