A breve visti russi per i georgiani?

104

RUSSIA – Mosca 20/11/2015. La Russia ha confermato la sua disponibilità per il rilascio dei visti ai cittadini della Georgia, ha comunicatoil ministero degli Esteri russo dopo una riunione tra il vice ministro degli Esteri russo Grigory Karasin con il rappresentante speciale del primo ministro della Georgia per le relazioni con la Russia, Zurab Abashidze.

Secondo quanto riporta Sputnik, il prossimo incontro Abashidze – Karasin si terrà il 19 novembre a Praga per discutere di questioni culturali, umanitarie ed economico-commerciali. «La Russia ha confermato la sua volontà di continuare a lavorare sulla liberalizzazione delle procedure per la concessione del visto per i cittadini georgiani che visitano la Russia», si legge in una nota pubblicata sul sito del ministero degli Esteri. Il ministero degli Esteri ha osservato che «nonostante le differenze nelle questioni politiche fondamentali, l’atmosfera di concretezza degli incontri di Praga può risolvere i problemi pratici delle relazioni bilaterali». In particolare, le Georgia e Russia «hanno ribadito l’importanza del format, indipendente, dei colloqui di Ginevra come importante fattore di sicurezza e della stabilità nelle relazioni internazionali nel Caucaso meridionale (…) e hanno preso atto con soddisfazione che, nonostante il contesto macroeconomico non favorevole, la riduzione del volume degli scambi è stata insignificante (…) Un ruolo positivo in questo senso lo ha giocato l’atteggiamento pragmatico della Georgia teso a normalizzare le relazioni con la Russia e il mancato utilizzo russo di misure protezionistiche collegate alla firma dell’accordo di associazione e libero scambio tra Georgia e Ue» si legge nel comunicato russo. Tbilisi ha rotto le relazioni diplomatiche con la Russia dopo che Mosca ha riconosciuto l’indipendenza delle regioni separatiste della Georgia, Abkhazia e Ossezia del Sud, nella regione di Tskhinvali, ad agosto 2008. La Russia ha introdotto un regime di visti con la Georgia nel dicembre 2000 a causa della minaccia di cadere nel suo territorio di terroristi dalla Gola di Pankisi. Successivamente, però, Mosca ha liberalizzato sostanzialmente la procedura per il rilascio dei visti ai cittadini georgiani. Georgia abolito il regime dei visti per i cittadini russi che visitano il paese il 29 febbraio 2012. Il nuovo governo georgiano, al potere dopo le elezioni di ottobre 2012, ha fatto della normalizzazione delle relazioni con la Russia una priorità di politica estera, però non a scapito dell’integrità territoriale del paese. Tra Russia e Georgia esiste un canale di dialogo a Ginevra e attraverso riunioni periodiche del rappresentante speciale del primo ministro georgiano per le relazioni con la Russia, Zurab Abashidze e il vice ministro russo degli Esteri Grigory Karasin, a Praga.