FSB: monitoraggio per 220 potenziali Istishadi

16

RUSSIA – Mosca 29/07/2016. Il Servizio di sicurezza federale russo, Fsb, sta monitorando oltre 220 potenziali attentatori suicidi. Il servizio russo, inoltre, controlla un gran numero di persone coinvolte nel reclutare candidati per “attacchi suicidi” e che starebbero preparando atti terroristici.

Secondo il direttore del Fsb, Aleksandr Bortnikov, «ci sono oltre 220 potenziali pseudo-Shahid sotto osservazione operativa in Russia. Il servizio sistematicamente monitora le persone coinvolte nella preparazione di attentati kamikaze e atti terroristici», ha detto il capo del Fsb Aleksandr Bortnikov in una riunione dei capi dei servizi segreti, della sicurezza e forze dell’ordine, che ha avuto inizio a San Pietroburgo il 27 luglio, riporta Rt. Il XV vertice dei vertici dei servizi segreti e di sicurezza, il 27 e il 28 luglio, ha visto la partecipazione di 99 delegazioni provenienti da 64 paesi in rappresentanza di Nazioni Unite, l’Ue, Sco, e Csi. Il Fsb ha inoltre emesso mandati d’arresto internazionali per circa 260 sospetti terroristi con passaporti russi attualmente residente all’estero e attivamente coinvolti in attività terroristiche. I cittadini russi sospettati di essere coinvolti in attività terroristiche all’estero stanno «attivamente preparandosi a trasferire le loro operazioni in Russia e in altri paesi”, ha osservato Bortnikov. Il direttore Fsb ha richiamato l’attenzione all’estradizione problematica di sospettati di terrorismo in Russia da altri paesi.
«Purtroppo, ci sono esempi nella prassi internazionale attuale, quando con il pretesto del rispetto e dell’osservanza dei diritti umani e delle libertà fondamentali, o per motivi politici, l’estradizione dei terroristi è negata» ha aggiunto Bortnikov, sottolineando che tali pratiche screditare lo sforzo antiterroristico e interrompono operazioni finalizzate alla detenzione di militanti conosciuti.
Alla fine di giugno, si è scoperto che Ahmed Chataev, cittadino russo di origine cecena, combattente dello Stato Islamico, era la mente dell’attacco all’aeroporto di Istanbul del 28 giugno, in cui hanno perso la vita 44 persone e ha fatto più di 230 feriti.
Chataev aveva ottenuto lo status di rifugiato in Austria, evitando ripetutamente l’estradizione verso la Russia
con l’accusa di terrorismo.
A questo proposito, Bortnikov ha proposto «di mettere avanti gli interessi professionali e non la politica» quando si tratta di combattere il terrorismo internazionale «Chiedo ai nostri partner di prestare maggiore attenzione alle questioni di rilevamento, detenzione e estradizione dei terroristi nei loro paesi di origine, non nei paesi terzi», ha detto Bortnikov. Bortnikov ha poi detto che Mosca è ben consapevole dei pericoli presentati dal ritorno in massa, in Russia, dei militanti dalle zone di conflitto; i terroristi che tornano con esperienza di combattimento reale sono percepiti come uno dei più gravi problemi di sicurezza nazionale.
Le cellule dormienti di Daesh, al Nusra e al Qaeda stanno diventando attive alla luce del flusso di migranti che porta con sé anche terroristi mascherati verso l’Europa, ha detto il vertice Fsb.
La crescita esplosiva dei migranti provenienti dal Medio Oriente e Nord Africa destabilizza la situazione sociale, politica e penale in molti paesi, e crea un sacco di lavoro per servizi speciali di sicurezza, ha detto Bortnikov.