Russia, via i fondi americani da Mosca

23

La Russia Unita, partito centrista russo, ha usufruito di finanziamenti per lo sviluppo forniti dal governo degli Stati Uniti, a riferirlo un portavoce del Dipartimento di Stato americano. Il portavoce ha riferito che la notizia si è resa necessaria dopo le incomprensioni sorte per via della prossima cacciata da Mosca dell’Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale.

«La realtà è che Russia Unita ha partecipato ad alcuni programmi di IRI e NDI nel corso degli anni. IRI e NDI offrono questi programmi in tutta l’area geografica della Russia che chiede di aderire», ha precisato via web, dal sito internet del Dipartimento d Stato Victoria Nuland. L’International Republican Institute (IRI) e il National Democratic Institute (NDI), sostenuti dal governo degli Stati Uniti e le ONG, offrono sovvenzioni alle organizzazioni della società civile in Russia e altrove. Nuland non ha specificato tutti i casi in cui Russia Unita ha accettato fondi americani, e alti funzionari del partito si sono affrettati a condannare le dichiarazioni come tentativo di rappresaglia e infondate. Ma il veterano, leader dell’opposizione, Boris Nemtsov, ha pubblicato un elenco di otto casi risalenti al 2006 in cui i membri di Russia Unita hanno accettato fondi degli Stati Uniti, per dei corsi di formazione e forum. In una di queste occasioni, nel maggio 2010, l’IRI ha pagato per il volo del giovane leader, Yulia Yakovenko e la sala hotel, finanziamento descritto come parte di un programma di formazione per leader politici donne, ha scritto Nemstov sul suo blog. Martedì scorso, l’ambasciata degli Stati Uniti ha annunciato che la Russia stava tirando la spina USAID, principale veicolo del governo statunitense per finanziare la società civile e le ONG in Russia. Il ministero degli Esteri ha detto USAID aveva oltrepassato il suo mandato nel tentativo di influenzare affari interni russi. USAID ha speso 54,2 milioni dollari in Russia nel 2011, quasi la metà dei quali (22,2 milioni dollari) sono andati a progetti in materia di diritti umani, democrazia e governance, secondo i dati ufficiali. Diversi gruppi sovvenzionati da USAID  gruppi sono tra i critici più feroci del governo.