Foglie di fico russe

106

RUSSIA – Mosca 27/11/2013. Tornano di moda in Russia le foglie di fico per coprire le pudende delle statue.

Il David di Michelangelo e la Venere di Milo potrebbero presto reindossare foglie di fico per le mostre in Russia, stando alla proposta di un progetto di legge che renderebbe le opere d’arte “erotiche” inaccessibili ai giovani russi. Nel 2012, la Russia ha, già, vietato l’accesso ai minori a tutte le opere con contenuto erotico e pornografico, anche se la legislazione del paese non fornisce una definizione giuridica chiara di entrambi. Finora, i contenuti ritenuti «aventi un significativo valore storico, artistico o comunque culturale» sono stati esenti dal divieto. La regola ha risparmiato a musei, parchi e siti web russi la necessità di censurare le opere antiche, di arte rinascimentale e moderna che raffigurano seni nudi o sederi. Il museo Pushkin di Mosca, che espone una replica del David di Michelangelo con genitali scoperti, a differenza di altre repliche, finora ha tenuto una sola mostra di arte antica “nuda” all’inizio del 2013. Ma un nuovo disegno di legge sulla sicurezza dei dati per i minori, pubblicato dai media statali e da Roscomnadzor, il servizio federale che sovrintende ai media russi, propone di rimuovere l’esenzione per le opere d’arte.Il progetto di legge è stato calendarizzato il 25 novembre per la discussione parlamentare.