RUSSIA. Finito l’accordo Rosneft CFC China?

61

Rosneft ha assegnato le forniture di greggio Espo Blend ad aprile al trader europeo Trafigura, non lasciando nulla al cinese Cefc, che ha un accordo per acquistare petrolio dalla società petrolifera russa, riprova Reuters.

Non è ancora chiaro perché Rosneft abbia cambiato la sua allocazione di greggio Espo, una tipologia molto ben accetta dalle raffinerie cinesi, o dalle raffinerie indipendenti che insieme costituiscono un quinto delle importazioni di greggio del Celeste impero.

Un simile cambiamento suggerirebbe che l’accordo di Rosneft con il Cefc, che avrebbe dovuto terminare nel 2022, potrebbe essere stato corretto o addirittura chiuso prima del previsto.

Un cambiamento all’accordo di fornitura di greggio di Rosneft, se confermato sarebbe un altro colpo per Cefc, che è sotto pressione da quando il suo fondatore e presidente Ye Jianming è stato arrestato dalle autorità cinesi nel 2018.

Trafigura ha ricevuto sei carichi per il carico di aprile e la casa svizzera di commercio di materie prime potrebbe diventare il principale strumento del greggio Espo di Rosneft quest’anno, sostituendo il Cefc. Trafigura, che già lo era per Rosneft prima che il Cefc gestisse la questione nel 2018, da allora ha venduto uno dei carichi alla Royal Dutch Shell, la principale compagnia petrolifera olandese.

Rosneft si era impegnata a fornire al Cefc 61 milioni di tonnellate di petrolio in cinque anni a partire dal 1° gennaio 2018. Nel 2019 l’azienda russa ha cambiato il suo accordo di fornitura di greggio con l’unità di trading del Cefc basata a Singapore. Rosneft fornisce anche il greggio degli Urali al Cefc in base al contratto e non è chiaro se questa fornitura sarà influenzata da aprile; Rosneft ha assegnato almeno un carico di 80.000 tonnellate di greggio degli Urali al Cefc da caricare da Novorossiisk a marzo.

Oilprice riporta poi in merito che Cefc, tre anni fa, aveva espresso interesse ad acquistare una grossa quota del gigante petrolifero russo. La vendita non andò in porto e la Qatar Investment Authority pagò circa 4,2 miliardi di dollari per una quota del 14,16 per cento di Rosneft, diventando così il terzo maggiore azionista singolo dopo il Cremlino e la Bp, ha detto la società russa nel novembre 2018. 

L’accordo con il fondo sovrano del Qatar è stato l’episodio finale di una vicenda in cui una società cinese fino a quel momento poco conosciuta, la Cefc China, aveva dichiarato nel settembre 2017 di aver concordato con un consorzio di Glencore e Qatar Investment Authority le condizioni di vendita della quota del 14,16 per cento di Rosneft del consorzio.

Tuttavia, nel marzo 2018, le autorità cinesi hanno iniziato a indagare sull’amministratore delegato del Cefc China Energy, Ye Jianming, per sospetto di reati economici. L’indagine faceva parte di una più ampia stretta sulle imprese private cinesi dopo che il governo del presidente Xi Jinping aveva avvertito che nessun miliardario cinese, per quanto ben collegato, è al sicuro da controlli e indagini. L’indagine e i problemi del Cefc China Energy hanno sollevato preoccupazioni sull’accordo che aveva firmato per l’acquisto del 14 per cento di Rosneft da Glencore e Qatar Investment Authority.

Anna Lotti