RUSSIA. File psicologico su Trump per Putin

52

L’”intelligence” russa starebbe preparando un dossier psicologico di Donald Trump per il presidente russo Vladimir Putin.

Ne da notizia la statunitense Cbnc; nelle conclusioni preliminari figurerebbe che il nuovo leader americano è una persona che si assume i suoi rischi, a volte un po’ ingenuo, riporta la testata Usa.

Il file viene compilato da diplomatici in pensione e da una parte del personale di Putin. Il tentativo di entrare nella mente del presidente degli Stati Uniti ha lo scopo di aiutare Putin per il suo primo incontro con il nuovo leader degli Stati Uniti, in data da decidersi. Il fascicolo è in revisione regolarmente e molti al Cremlino credono che Trump consideri la presidenza come un business.

È normale che un presidente o un leader sia informato prima di negoziare per la prima volta con un leader rivale, ma la preparazione di un dossier dettagliato sulla mente e istinto di un leader americano è cosa insolita, aggiunge il media Usa.

Nel governo di Putin sta crescendo la preoccupazione per le battaglie di Trump a Washington; Mosca sarebbe preoccupata per il fatto che il presidente Usa non abbia più il potere politico per migliorare le relazioni con la Russia, come ha detto di voler fare.

Una serie di circostanze indicherebbero un legame tra Trump la sua amministrazione e il Cremlino: l’hacking russo in fase elettorale, le dimissioni di Flynn per i suoi colloqui non autorizzati e ufficiosi con l’ambasciatore russo negli Usa, i legami del segretario di Stato Rex Tillerson con Mosca e Putin; il caso di Paul Manafort, dimessosi nel mese di agosto 2016 per i suoi legami con interessi filorussi in Ucraina.

La questione della Russia «è ora una sorta di buccia di banana per Trump, è per questo che dobbiamo evitare qualsiasi passo che potrebbe danneggiare Trump», l’ex vice ministro degli Esteri Andrei Fedorov, «Trump non può arrivare ad un incontro con Putin da perdente, deve risolvere prima i suoi problemi interni».

Anna Lotti