Centro-2015: 100.000 soldati in difesa dell’Asia Centrale

2

RUSSIA-Mosca. 24/09/15. Circa 100.000 soldati russi hanno svolto il più grande esercitazione militare del paese dell’anno. Obiettivo: “contenere” un eventuale conflitto in Asia centrale. Lo scenario dell’esercitazione, ha spiegato il generale Vladimir Rudnitskiy, comandante del Distretto Militare Centrale della Russia, è stato il «contenimento di un conflitto armato internazionale nella direzione strategica dell’Asia centrale».

Ma per un esercizio apparentemente orientata verso l’Asia centrale, scrive la testata Eurasianet.org, comprendeva pochissimi partecipanti dagli alleati dell’Asia centrale della Russia. Il Ministero della Difesa russo ha riferito infatti che vi erano “le forze armate dei paesi membri del Collective Security Treaty Organization”, ma la stragrande maggioranza dei soldati circa 95.000 erano russi; l’unico altro partecipante era il Kazakistan, che ha inviato una manciata di unità. (Il CSTO è un’alleanza militare guidata dalla Russia che comprende anche Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan.)
Il presidente russo Vladimir Putin ha seguito la fase finale dell’esercizio da Orenburg. Orenburg è conosciuta come la città del presidio da cui l’impero russo conquistò l’Asia centrale nel 19 ° secolo. Il Centro-2015 ha utilizzato uso di forze convenzionali per combattere i gruppi “terroristi”. Tra gli episodi nello scenario del centro-2015: un gruppo di “banditi” si nascondono in un villaggio e le forze russe invio “dozzine” di carri armati e pezzi di artiglieria in risposta; banditi che trasportano droga dal Tagikistan; e ancora esercitazioni in materia di difesa delle infrastrutture di estrazione di petrolio nel Mar Caspio da attacchi terroristici. Alla manifestazione Orenburg – hanno partecipato anche addetti militari di 40 paesi – che si sono concentrati sulle prestazioni delle armi prodotte dalla Russia. Putin si è sempre più concentrato negli ultimi anni sul potenziale di esportazione dell’industria della difesa russa come risorsa economica a sostegno delle perdite derivanti dal calo dei prezzi del petrolio.