RUSSIA. Erdogan va da Putin e arrivano altri S400

52

La Russia ha consegnato alla Turchia un’altra batteria di S-400 il 27 agosto. Interfax riporta le parole del presidente russo Vladimir Putin al suo omologo turco Erdogan: «A proposito, un’altra consegna è stata fatta questa mattina» ha detto Putin a Recep Tayyip Erdogan, in visita in Russia.

Il ministero della Difesa turco ha detto che la consegna di una seconda batteria del sistema di difesa S-400 era iniziata il 27 agosto e che ci sarebbe voluto circa un mese, riporta Reuters.

Il presidente Tayyip Erdogan ha detto che la Turchia vuole continuare la cooperazione dell’industria della Difesa con la Russia, compresa la cooperazione sugli aerei da guerra.  Erdogan ha parlato dopo che i due leader hanno assistito ad uno spettacolo aereo al di fuori della capitale russa in cui una pattuglia di Sukhoi Su-57  ha effettuato voli dimostrativi. 

Erdogan ha anche cercato l’aiuto russo per salvaguardare le truppe turche a fronte di un’offensiva da parte dell’esercito siriano nel nord-ovest del paese. Erdogan aveva detto a Putin la scorsa settimana che gli attacchi delle forze del presidente siriano Bashar al-Assad stavano causando una crisi umanitaria e minacciando la sicurezza nazionale della Turchia.

Le truppe siriane hanno circondato i ribelli e una postazione militare turca nel nord-ovest della Siria, a Morek, in un’offensiva per reclamare il territorio e le città che il governo ha perso all’inizio della guerra. La Turchia ha sostenuto alcune fazioni ribelli nella regione nordoccidentale di Idlib, mentre la Russia e l’Iran sostengono Assad. Il posto di osservazione militare vicino alla città di Morek è uno dei 12 che Ankara ha stabilito nel nord-ovest della Siria nell’ambito di un accordo con Mosca e Teheran due anni fa per ridurre gli scontri tra le forze di Assad e i ribelli.

Erdogan e Putin intrattengono frequenti colloqui e hanno stretto legami stretti focalizzati sull’energia e sulla cooperazione in materia di difesa. A luglio, la Turchia ha iniziato a prendere in consegna i sistemi di difesa missilistica russa S-400. Oltre a mettere le truppe turche nella regione in prima linea, i progressi delle forze di Assad hanno minacciato le speranze di Ankara di prevenire una nuova ondata di rifugiati sul suo territorio, riporta Reuters.

Le Nazioni Unite dicono che più di 500.000 persone sono state sradicate da quando l’esercito siriano ha iniziato la sua offensiva a fine aprile, la maggior parte di loro fuggendo più in profondità nel bastione ribelle e verso il confine. La Turchia ha aperto il suo confine all’inizio del conflitto siriano nel 2011 e ora ospita 3,6 milioni di rifugiati siriani.

Vladimir Putin ha dichiarato che lui e Erdogan hanno delineato ulteriori misure congiunte volte a sradicare i “terroristi” nella zona di Idlib in Siria: «Insieme al presidente turco abbiamo delineato ulteriori passi congiunti per neutralizzare i nidi dei terroristi a Idlib e la normalizzazione della situazione lì e in tutta la Siria come risultato». Putin ha anche detto che lui e il leader turco hanno sottolineato che la Siria deve rimanere un Paese unificato.

Anna Lotti