RUSSIA. Di che parlano Putin e Trump? Di prezzo del petrolio

153

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto di aver discusso del mercato mondiale del petrolio con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a Parigi, per celebrare l’anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale. Putin, parlando ai giornalisti a margine del meeting Asean a Singapore, ha anche detto che un prezzo del petrolio di circa 70 dollari al barile sarebbe stato adatto alla Russia, e che Mosca avrebbe continuato a cooperare con l’Opec sui livelli globali di produzione di greggio, riporta Reuters.

«Com’è ora, come è stato di recente, intorno ai 70 dollari, ci sta bene se teniamo presente che, come sapete, abbiamo spese di bilancio calcolate con un prezzo di 40 dollari al barile, e questo ci dà l’opportunità di sentirci sicuri, di lavorare con calma, in modo stabile, per ottenere ottimi risultati che influenzano la macroeconomia. Quest’anno avremo quasi certamente un’eccedenza di bilancio (…) A proposito, il Presidente Trump ed io ne abbiamo discusso a Parigi, ma in ogni caso ne abbiamo parlato. Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno aumentato in modo significativo la produzione, il che influisce, naturalmente, sul consumo interno degli Stati Uniti», ha detto Putin dopo la visita a Singapore.

Tutte le restrizioni di natura politica nell’economia sono un ostacolo e feriscono tutti, compresi quelli che le introducono, ha poi detto Vladimir Putin. Nessuna sanzione può fermare la cooperazione tra la Russia e i paesi ASEAN e lo sviluppo delle loro economie, ha aggiunto Vladimir Putin, ripreso da Sputnik: «Questo non può fermare lo sviluppo, è escluso, è impossibile, quindi la cooperazione continuerà», ha detto Putin. Il presidente russo ha sottolineato che la mancata partecipazione della Russia al World Economic Forum di Davos non inciderà sull’economia del paese.

«Sicuramente non influirà sull’autorità della Russia nell’economia mondiale. L’autorità di un paese nell’economia mondiale dipende, prima di tutto, dal suo potere economico, dalla struttura dell’economia, dai risultati che mostra in termini di efficacia tecnologica, dalla crescita del Pil, da indicatori macroeconomici come la bassa inflazione, il piccolo debito estero, l’assenza di deficit di bilancio o il suo tasso minimo o, cosa migliore, l’eccedenza di bilancio, di cui la Russia gode ora», ha detto Putin.

Il presidente russo ha aggiunto che le autorità russe, in generale, hanno raggiunto gli obiettivi fissati in economia: «Tuttavia, piattaforme come il forum di Davos sono utili. Quando ero vice governatore di San Pietroburgo, abbastanza spesso, quasi ogni anno sono andato a Davos. Poi, lavorando a Mosca, sempre meno frequentemente. Recentemente non sono praticamente apparso lì. Ma la piattaforma è buona», ha detto Putin.

Graziella Giangiulio