RUSSIA. Contrazione economica del 6%, dice la Banca Mondiale

58

La Banca Mondiale prevede che quest’anno l’economia russa subirà una contrazione del 6%, la maggiore dal 2009, sotto la pressione della pandemia di coronavirus e del calo dei prezzi del petrolio, prima di tornare a crescere nel 2021-2022. L’economia russa è stata colpita da una crisi sanitaria che ha rallentato l’attività commerciale e la domanda di petrolio, la sua principale esportazione, in tutto il mondo.

La disoccupazione in Russia, riporta Reuters, ha registrato un’impennata dopo che all’inizio di quest’anno sono stati imposti blocchi in tutto il paese. Il prodotto interno lordo dovrebbe ora ridursi al ritmo più veloce degli ultimi 11 anni, ha affermato il 6 luglio la Banca Mondiale, in quanto ha previsto una contrazione dell’economia globale del 5,2% quest’anno.

Nel 2021, il PIL della Russia dovrebbe espandersi del 2,7% e del 3,1% nel 2022, ha detto la Banca Mondiale: «Anche con una crescita positiva del Pil prevista per il futuro, i livelli del Pil nel 2022 avrebbero a malapena raggiunto i livelli pre-pandemici», ha detto la Banca Mondiale. In assenza di una seconda ondata della pandemia di coronavirus che potrebbe costringere la Russia a reintrodurre restrizioni alle attività commerciali, una moderata ripresa potrebbe iniziare nella seconda metà del 2020, guidata dai consumi delle famiglie, secondo la Banca Mondiale.

Nonostante l’economia russa abbia sofferto della crisi, le misure di sostegno annunciate dal governo, se pienamente attuate, potrebbero aiutare la Russia a contenere l’aumento della povertà causato dalla crisi, ha detto la Banca Mondiale: «In assenza di qualsiasi sostegno da parte del governo, la nostra stima mostra che avremmo visto un aumento netto del livello di povertà in Russia».

La povertà nel 2020 avrebbe potuto saltare a quasi il 15% della popolazione da una proiezione di base di circa il 12%, il livello visto l’anno scorso, se il governo non avesse lanciato i sussidi fiscali per sostenere le piccole e medie imprese, i benefici per le famiglie e altre misure anti-crisi.

Graziella Giangiulio