RUSSIA. Cinque governatori, dimissioni in pochi giorni

34

Il governatore della Carelia, regione nord-occidentale della Russia, Aleksandr Khudilainen, ha dato le dimissioni all’improvviso. Khudilainen è diventato il quinto leader regionale a dimettersi in questi ultimi giorni.

Khudilainen ha detto ai giornalisti il 15 febbraio, riporta Rferl, di aver presentato le sue dimissioni al fine di poter dare la possibilità al presidente Vladimir Putin di scegliere un candidato che abbia il tempo di «farsi vedere in Carelia» prima delle elezioni di settembre.

Il Cremlino ha detto ore dopo che Putin ha accettato le dimissioni di Khudilainen e ha nominato il direttore del servizio degli ufficiali giudiziari federali, Artur Parfyonchikov, come governatore pro tempore della regione al confine con la Finlandia.

Le improvvise dimissioni di Khudilainen arrivano solo un giorno dopo che il governatore della regione di Ryazan, nella Russia centrale, Oleg Kovalyov, aveva annunciato le sue dimissioni. Il 13 febbraio, il governatore della regione di Novgorod, regione confinante con quella di Ryazan, Sergei Mitin, si era dimesso. La scorsa settimana, i governatori della Buriazia, al confine con la Cina, e del Territorio di Perm, nella Russia centrale, Vyacheslav Nagovitsyn e Viktor Basargin, si sono dimessi.

Si ritiene che le dimissioni dei cinque governatori siano state “richieste” dal Cremlino, che sta sovrintendendo i processi politici a livello nazionale.

Le elezioni regionali, infatti, sono previste e calendarizzate nel prossimo mese di settembre e saranno le ultime prima delle elezioni presidenziali che si svolgeranno a marzo del 2018.

Secondo una serie di interpretazioni, il Cremlino starebbe cercando di rafforzare il sostegno per aumentare il controllo in vista del voto presidenziale, in cui Putin dovrebbe cercare il suo quarto mandato.

In precedenza il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, aveva detto il 14 febbraio che le dimissioni facevano parte di «un processo di rotazione di routine» e aveva invitato i giornalisti a non cercarvi motivazioni nascoste.

Tommaso dal Passo