RUSSIA. Chiusa la frontiera con la Cina per timore del COVID-19

75

La frontiera terrestre tra Cina e Russia è stata chiusa, lasciando un numero sconosciuto di cittadini cinesi bloccati sul lato russo del confine, ha detto il ministero degli Esteri cinese. «L’ambasciata cinese in Russia ha recentemente appreso dalle autorità competenti sia della Cina che della Russia che tutti gli attraversamenti terrestri tra la Cina e la Russia sono stati temporaneamente chiusi», ha detto il ministero degli Esteri «L’ambasciata cinese in Russia ha ricordato ai cittadini cinesi in Russia di prestare molta attenzione alle informazioni di cui sopra, di rispettare le norme russe in materia, di comportarsi in modo autoisolato, di rafforzare l’autoprotezione, di evitare viaggi a lunga distanza e di rispondere in modo scientifico all’epidemia», riporta Rfa.

Non è stato confermato se il traffico di merci transfrontaliero fosse ancora consentito o meno.

Nel frattempo, l’allentamento delle restrizioni di blocco in alcune province e città cinesi ha portato a consigli contrastanti sull’uso di maschere facciali, suscitando il timore di una recrudescenza dei casi di coronavirus mentre la Cina si rimette al lavoro. Le autorità di Guangzhou, Anhui, Hainan, Sichuan, Jiangxi, Hunan e Liaoning hanno pubblicato delle linee guida che suggeriscono che non è necessario indossare le maschere quando non c’è nessun altro nei paraggi.

Nella città di Hangzhou, le autorità hanno sospeso i controlli obbligatori della temperatura corporea nei luoghi pubblici.

Il ministero della Salute cinese ha detto di essere preoccupato che rendere ufficiale tale consiglio potrebbe essere pericoloso, in quanto gli individui asintomatici non possono essere identificati, ma possono comunque trasmettere il coronavirus ad altri senza maschera.

A Wuhan, che ha registrato 2.574 dei decessi riportati dalla Commissione sanitaria nazionale, le fabbriche di automobili e altri attori economici hanno riaperto dopo il blocco iniziato a fine gennaio; migliaia di persone erano di nuovo in strada, anche se la maggior parte di loro indossava maschere facciali.

Anna Lotti