Tornano i capitali in Russia

50

RUSSIA – Mosca 03/11/2015. Il deflusso di capitali dalla Russia nel 2015 sarà di circa 70 miliardi di dollari.

Così il ministro delle Finanze russo Anton Siluanov si è espresso in una riunione della Duma di Stato, la camera bassa del parlamento, ripreso dalla Tass. “La fiducia degli investitori nella nostra politica fiscale è in crescita e il deflusso di capitali si sta riducendo. All’inizio dell’anno, si stimavano circa 130 miliardi. Nel terzo trimestre si è registrato un afflusso netto di capitali di 5 miliardi e 300milioni di dollari” ha detto Siluanov. In precedenza Elvira Nabiullina, direttore della Banca Centrale, aveva detto di aver abbassato le prospettive del deflusso di capitali nel 2015 a più di 70 miliardi di dollari, invece dei 85 miliardi. Una correzione, ha detto Nebiullina, dovuta ai dati positivi del terzo trimestre di quest’anno. Tornando a Siluanov, il ministro ha detto che la politica di bilancio ed economica della Russia gode ora della fiducia degli investitori stranieri, di cui buona parte stanno per tornare sui mercati russi. “All’inizio del prossimo anno prevediamo una crescita economica positiva” ha detto Siluanov. Il ministro russo dello Sviluppo Economico, Alexey Ulyukayev, ha confermato che la crisi ha raggiunto il suo apice durante l’estate e che l’economia si sta riprendendo lentamente. Secondo Rosstast, il Servizio federale di statistica russo, riporta la Tass, “le persone e le imprese non ne hanno risentito.