RUSSIA. A breve verranno schierati nuovi ICBM pronti al combattimento 

28

Le forze missilistiche strategiche russe, Raketnye vojska strategičeskogo naznačenija – Rvsn,  hanno dichiarato che entro la fine dell’anno metteranno in servizio e pronti al combattimento tre unità missilistiche armate dei complessi missilistici Yars e una unità con il sistema ipersonico Avangard.

Secondo quanto riporta Sputnik, «Entro la fine dell’anno, la Rvsn riceverà  oltre 90 unità  di armamenti, militari e attrezzature specializzate, che consentiranno il dispiegamento in combattimento di unità  missilistiche armate con il complesso di missili terrestri mobili Yars (…) nelle formazioni missilistiche Yoshkar-Ola, Irkutsk e Barnaul, due lanciatori fissi nella formazione missilistica di Kozelsk, così come una unità missilistica armata con un complesso missilistico strategico Avangard per la formazione missilistica Yasny», ha detto la Rvsn.

Il ministero della Difesa ha aggiunto che la Rvsn riceverà più di 30 missili balistici intercontinentali entro la fine dell’anno di addestramento, portando la quota di armi moderne in servizio con le Forze Missilistiche Strategiche al 76% e fornendo loro nuove capacità di deterrenza nucleare. 

Secondo la lista di acquisizione del Ministero pubblicata la scorsa settimana, l’esercito russo sta progettando di condurre un totale di nove lanci di prova di missili balistici intercontinentali, Icbm di vario tipo nel biennio 2019-2021.

In particolare, il documento stipula una gara d’appalto sull’assicurazione di responsabilità civile per danni a persone e/o cose durante quattro lanci di RS-12M Topol (SS-25) Icbm, tre lanci di RS-24 Yars (SS-29) Icbm e due lanci di RS-28 Sarmat (SS-X-30) Icbm nel 2019-2021. 

A marzo, il ministro della difesa russo Sergei Shoigu, parlando alla commissione difesa della Duma aveva detto che l’esercito russo poteva ora combattere nelle parti più remote del mondo, una capacità che non possedeva sei anni fa.

Shoigu aveva spiegato come la situazione delle forze armate del paese dall’inizio degli anni ’50 fosse migliorata. Ha anche riferito quante armi l’esercito russo ha testato in Siria e come sono aumentate le capacità missilistiche delle forze armate russe. Il discorso di Shoigu si era concentrato sulla preparazione della difesa russa e sulle questioni giuridiche correlate.

Anna Lotti