Genocidio Tutsi: ergastolo per Mugesera

76

RUANDA – Kigali 18/04/2016. Condannato all’ergastolo uno degli uomini politici ruandesi che incitò al genocidio.

Il ruandese Leon Mugesera è stato condannato, il 15 aprile, all’ergastolo per istigazione al genocidio dei Tutsi nel 1994. L’assassinio nell’aprile del 1994 del presidente Juvenal Habyarimana, il cui aereo fu abbattuto da un missile a Kigali, avrebbe innescato il genocidio di circa 800mila persone, per lo più membri della minoranza Tutsi, in poche settimane. La corte ha stabilito che Musegera con i suoi discorsi ha contribuito a innescare l’odio etnico che portò alle stragi. Trasferitosi in Canada nel 1993 con la moglie e i figli, Leon Musegera è stato oggetto di una richiesta di estradizione nel 1995 da parte del governo di Kigali. Per oltre 15 anni, la sua estradizione in Ruanda era stata impedita fino al gennaio 2012. Durante il processo, Léon Mugesera aveva negato tutte le accuse contro di lui, sostenendo che viveva già in Canada quando iniziò il genocidio. L’imputato, che è un linguista, ha fatto ricorso.