ROSNEFT produce più petrolio dell’Iraq

65

di Anna Lotti RUSSIA – Mosca 13/1172016. La Rosneft ha registrato una forte flusso di cassa l’11 novembre, rafforzando la sua posizione nonostante il calo dell’utile netto del terzo trimestre sia stato peggiore del previsto 77 per cento. Rosneft, che ha acquistato una partecipazione di controllo nella Bashneft per 323 miliardi di rubli, cerca di aumentare la sua esposizione globale e diventare un importante leader petroliero a livello internazionale.

La società, controllata dal Cremlino, riporta Reuters, intende inoltre riacquistare il 19,5 per cento delle sue azioni da Rosneftegaz poiché la Russia cerca di accelerare i piani di privatizzazione.

Rosneft ha detto di aver generato liquidità per 4,1 miliardi di dollari nel corso dei primi nove mesi dell’anno a differenza di flusso di cassa negativo registrate in diverse major petrolifere rivali. L’utile netto del terzo trimestre ha perso quasi il 80 per cento anno su anno per i deboli prezzi del petrolio.
Rosneft potrebbe anche ricevere un finanziamento per il suo riacquisto da Rosneftegaz, e il governo ha detto che l’accordo sarebbe di natura transitoria per poi cedere le quote agli investitori.

Rosneft ha anche detto che avrebbe dovuto rimborsare il debito di 3,8 miliardi di dollari nel quarto trimestre e di 12,9 miliardi nel 2017. Nel terzo trimestre il debito è aumentato al netto del debito del 11,5 per cento rispetto ai tre mesi precedenti arrivando a 26,1 miliardi di dollari.

Le vendite sono diminuite del 4 per cento anno su anno a 1,22 miliardi di rubli; a inizio settimana, Rosneft ha detto che la produzione di petrolio è aumentata nel terzo trimestre del 1,3 per cento anno su anno arrivando a 4,15 milioni di barili al giorno.

Si tratta di una produzione più ampia rispetto alla quantità prodotta dall’Iraq, il secondo più grande produttore di greggio dell’Opec, e potrebbe complicare i colloqui globali per rallentare la produzione allo scopo di sostenere i prezzi.