Siberia pomo della discordia

31

RUSSIA – Mosca. 03/17/14. “Rosneft” denuncia al FAS “Gazprom”. Secondo Rosneft Gazprom avrebbe violato le norme in materia di accesso alla pipeline, inoltre, l’azenda non esclude la presentazione di una querela in tribunale.

Rosneft nel mese di giugno ha presentato una denuncia al Servizio federale dei monopoli (FAS) ritenendo Gazprom colpevole di violazione delle leggi antitrust del diniego di accesso al gasdotto indipendente “Power of Siberia” per le forniture di gas alla Cina. Fonte Izvestia che cita il capo del Servizio federale dei monopoli Anatoly Golomolzin. 

«Consideriamo ora la denuncia, raccogliamo materiale pertinente. A metà luglio, si deciderà se perseguiteremo le violazioni delle leggi antitrust in relazione a Gazprom», ha detto Golomolzin. Oggi Rosneft diffonde il messaggio, che ha dichiarato la propria disponibilità a citare in giudizio Gazprom, e riferisce sui regolatori del monopolio del gas e insiste sulle violazioni di Gazprom: «mancanza di accesso autonomo a gas metano al futuro gasdotto per la fornitura di gas alla Cina “Power of Siberia”» . 

Gazprom in regime di monopolio infrastrutturale deve, in base alla legge, comunque offrire ai produttori un accesso indipendente al sistema dei trasporti del gas. In questo modo i 40 miliardi di metri cubi di gas prodotti dalla società Rosneft nella Siberia orientale insieme a quello è prodotto da altre società (nel complesso quanto quello di Rosneft) si uniranno all’economia regionale, darà luce, calore ed energia e sviluppo. I diritti dei nostri cittadini ad una vita dignitosa, ci fornirà nel processo di negoziazione nelle procedure aziendali nel trattare con le autorità di regolamentazione e, se necessario, nel processo» si legge nel comunicato di Rosneft. Secondo la testa russa la denuncia di Rosneft è una reazione alla recente dichiarazione del capo di “Gazprom” Alexey Miller, in cui affermava che il gasdotto “The Power of Siberia”, che collegherà i campi in Siberia orientale e le porte Far East fornirà alla Cina è una sola azienda del gas.

«La Pipeline “The Power of Siberia” nella sua prima fase porterà 38 miliardi di metri cubi alla Cina, ed è stato ideato per le forniture di gas tra “Gazprom” e la cinese CNPC» ha detto Miller, commentando la possibilità di ammettere ai produttori indipendenti di nuova pipeline.

Il responsabile di  Gazprom ha sottolineato che il monopolio del gas sarà in grado di riempire la propria pipeline di gas con una piccola base di risorse per alcuni indipendenti. Come osservato da “Rosneft”, la posizione di Gazprom è radicalmente in contrasto con l’obiettivo dello sviluppo della Siberia e l’Estremo Oriente e in diretta violazione della legge applicabile.

Una fonte in “Gazprom” ha spiegato alla testata “Izvestia”, che la pipeline non è costruita, ed prematura parlare di contrattazione dei produttori indipendenti. Ma il problema di acquisizione del gas e il suo prezzo è una questione di negoziazione.

Secondo il rappresentante ufficiale di Rosneft, l’azienda è costantemente in comunicazione scritta e orale con “Gazprom” sulla questione dell’accesso alla pipeline principale. 

Anatoly Yushin, Managing Partner di AST legale, ricorda che gli appelli alla FAS gas indipendente sulle restrizioni in materia di accesso al sistema di trasporto di Gazprom, compresa la condotta di esportazione, hanno già avuto luogo da parte della società di Novatek e Nordgas, ei regolatori hanno sostenuto la posizione delle società indipendenti.

La parola ora spetta alle autorità competenti e al governo che non ha ancora deciso mi che modo verrà gestito “Power of Siberia”. Tuttavia, il ministro dell’energia russo Alexander Novak ha detto inizialmente l’export verso la Cina prevede 38 miliardi di metri cubi all’anno di gas Gazprom, e solo se la tubatura sarà implementata, l’accesso sarà discusso con i produttori indipendenti. Ricordiamo che nel mese di aprile, “Rosneft”, ha fatto appello al Servizio federale monopoli per la denuncia per l’energia Sakhalin (50% più una azione è detenuta da Gazprom, il 27,5% meno una azione – a Shell), che ha anche negato il suo accesso al tubo che va da nord a sud Sakhalin. FAS non ha ancora deciso.