Un mondo robotico è vicino

6

STATI UNITI D’AMERICA – Washington 12/03/2016. Nei nostri spostamenti siamo sempre più aiutati da mezzi che si guidano da soli. Sul tema del trasporto robotizzato e sui rischi connessi torna  il polemologo John Robb su Global Guerrillas.  

«Il passaggio ai mezzi di trasporto robotizzato è già in corso. Decine di migliaia di automobili sono auto-guidate già e altri milioni sono in arrivo. Milioni di droni volanti e droni naviganti sono stati venduti solo quest’anno. Questa rivoluzione sta raggiungendo anche un livello industriale». Robb poi riporta che il Regno Unito sta testando convogli di camion senza conducente sulla M3, lo stresso accade negli Stati Uniti dove il Nevada ha già concesso in licenza un impianto di auto-guida per l’uso su strada; la Rolls Royce sta lavorando su navi porta-container che risparmiano il 40% del costo dellequipaggio perché robotizzate. 

Ed ecco il rischio e il problema per Robb: «Tutti questi veicoli robotici sono in gran parte scollegati dalla Rete o stanno utilizzando reti private per questo attività. Per far esplodere il trasporto robotizzato, ci sarà bisogno di un semplice protocollo per coordinare questa rete in modo decentrato. È già in corso, anche se con pochi mezzi e rispetto all’impatto che potrebbe avere (…) Le prime indicazioni sono che questo standard sarà più semplice e decentrata del TCP / IP  (…) Una volta che questo standard decentrato scalabile sarà sviluppato, sarà buono per il trasporto via aria, mare, terra, e anche sottomarino, come ha fatto internet per il flusso di dati. Il cambiamento sarà rapido visto che miliardi di veicoli robotici rapidamente si collegheranno a questa griglia globale che potrà fornire servizi come questi: (…)

• libero di trasporto via auto. Ordinare a un auto col tuo telefono cellulare, di essere  lì dove sei in meno di 5 minuti per prendervi (…) 

• consegne domicilio via drone (…) 

• nomadismo perpetuo (…)»

Ovviamente, aggiungiamo noi, il tutto col grande rischio dell’utilizzo a fini distorti di questa nuova rete e qui si va dalla malavita al terrorismo.