Robocop a Dubai

61

di Graziella Giangiulio  EMIRATI ARABI UNITI – Dubai 18/10/2016. La polizia di Dubai prevede di mettere il suo primo robot poliziotto in servizio il prossimo anno, per poi farli diventare effettivi nel 2020. Con un tweet il Dubai Media Office ha dato l’annuncio il 17 ottobre durante la Gitex Technology Week.
Il tweet non ha fornito ulteriori dettagli, ma all’inizio di quest’anno, riporta Arabian Business, era stato annunciato che la polizia di Dubai stesse progettando di introdurre robot con intelligenza artificiale in servizio entro quattro anni.
«I robot potrebbero fare il lavoro di un poliziotto in certe situazioni» aveva detto, a giugno scorso, il direttore generale del dipartimento tecnologico della polizia di Dubai, colonnello Khalid Razooq  a Emirates 24/7, «Stiamo lavorando su un progetto che sarà pronto entro Expo 2020» ha poi detto. «Il progetto su cui stiamo lavorando coinvolgerà i robot che interagiscono con la gente e con l’esecuzione di alcune responsabilità tipiche di un poliziotto (…) la fase uno vedrebbe la fabbricazione dei robot, mentre la fase due comporterebbe lo sviluppo dell’intelligenza artificiale (…) Siamo nelle fasi finali per identificare una società per la produzione di robot» ha detto Razooqi.

I robot sono l’ultima alta tecnologia ad entrare in servizio nella  polizia di Dubai, che l’anno scorso ha introdotto i Google Glass, usati dagli agenti in pattuglia. Questo gadget consente agli agenti di identificare gli utenti della strada che hanno pendenze attraverso le targhe.

A luglio scorso poi, Dubai aveva lanciato una nuova iniziativa che mira a riunire le principali aziende e imprenditori internazionali per permettere il rapido sviluppo di tecnologie in grado di trasformare la città. In questo contesto la Polizia di Dubai sta sviluppando l’intelligenza artificiale necessaria in coordinamento con Watson, il sistema informatico domanda/risposta, e il motore di ricerca web di Google.

Il principe ereditario e presidente del Consiglio esecutivo di Dubai, Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum, ha lanciato allo scopo il Dubai Future Accelerators, iniziativa che prevede l’applicazione di tecnologie all’avanguardia come l’intelligenza artificiale e la robotica, la genomica, la stampa 3D, la biomimetica e le biotecnologie.