Riso OGM contro lo smog?

14

CINA- Pechino. 12/06/15. Ci sono gli anti OGM e ci sono i genetesti che dagli OGM pensano di ricavare suplus di cibo per gli affamati.

Nessuno prende in considerazione il fatto che molto cibo ogni giorno viene sprecato mentre in molte parti del mondo la gente muore di fame. Nessuno prende in considerazine che le modifiche genetiche necessiterebbero di venti anni di sperimentazioni per verificarne gli eventuali effetti collaterali. E così si mettono in vendita e si applicano protocolli genetici nuovi che modificano artificialemtne ciò che la natura fa in migliaia di anni.

In Cina la scoperta di alcuni scienziati ha reso euforica la comunità internazionale. Gli scienziati cinesi hanno trovato un modo per cambiare il make-up genetico di una specie popolare di riso, una mossa che dicono potrebbe alleviare il problema dello smog cronico del Paese abbassando la quantità di concimi contenenti azoto che gli agricoltori usano. La Cina soffre di inquinamento da azoto più grave di qualsiasi altro paese. Anche se ha solo il 7 per cento delle terre del mondo ad uso agricolo, la Cina consuma più di un terzo, o il 35 per cento, di fertilizzanti azotati al mondo. Tale uso agricolo ha portato alla massiccia inquinamento del suolo, delle acque del paese e l’aria.

Molti studi scientifici avevano avvertito che lo smog in Cina è stato causato da questo, oltre alle attività industriali. Quando gli ossidi di azoto vengono immessi nell’atmosfera subiscono una serie di reazioni fotochimiche che li trasformano in pericolose polveri sottili, che a loro volta diventano smog. Ma è stato difficile convincere gli agricoltori a ridimensionare il loro uso dei fertilizzanti. Il Riso cinese, in particolare la sottospecie japonica coltivata nelle province del nord come Heilongjiang, richiede l’uso pesante di fertilizzanti a causa del tasso di poveri che assorbe nitruro dal suolo e delle acque. Le piante hanno bisogno di nitruro per crescere in modo sano. Ora gli scienziati affermano di aver sbloccato il problema clonando un gene chiamato NRT1 da riso e inserendolo nella sequenza genetica del japonica. Questo aumenta il tasso al quale il riso può assorbire nitruro di oltre un terzo. La svolta la si è evinta da un articolo pubblicato sull’ultimo numero della rivista Nature Genetics ed è stata salutata come “una grande scoperta” di un peer reviewer anonimo. Avrà “enorme valore di applicazione” nella lotta contro l’inquinamento da azoto, gli autori hanno scritto. Il trapianto del gene nitrico booster «è migliorato in modo significativo e la resa è aumentata», hanno aggiunto. Nel corso di una serie di esperimenti sul campo a Pechino, Shanghai e Changsha, il team ha scoperto che le specie di riso modificati hanno bisogno solo della metà del fertilizzante per ottenere rendimenti altrettanto elevati granella in quanto japonica regolare. La squadra è stata guidata dal professor Chu Chengcai presso l’Accademia Cinese delle Scienze dell’Istituto ‘di Genetica e Biologia dello sviluppo a Pechino. Indica che appartiene alla stessa famiglia japonica ma viene coltivato principalmente nel sud della Cina, così come nelle regioni tropicali come la Thailandia e le Filippine, così come l’India. È in grado di assorbire l’azoto più facilmente che il suo cugino settentrionale. Eppure, la sua area di coltivazione è limitata perché non può sopravvivere in climi freddi del nord della Cina, nonostante questa regione che serve come il più grande centro di produzione di riso del paese. Inoltre, i consumatori cinesi preferiscono il gusto ricco e appiccicoso di japonica. Nel loro articolo, gli scienziati hanno detto la scoperta rappresenta anche un importante traguardo per il “progetto verde riso eccellente,” uno sforzo internazionale per sviluppare nuove specie di riso per soddisfare la crescente domanda globale di risorse alimentari. Fonte http://www.scmp.com/