Marrakech vive di energia da rinnovabili

69

MAROCCO – Rabat. 12/12/14. Inizia la produzione di energia elettrica dal parco eolico di Tarfaya, Marocco. Con una capacità totale di 300 megawatt, il parco eolico ha avuto più di 450 milioni di euro di investimenti, per due anni di lavoro e 700 dipendenti impiegati.

131 turbine eoliche con una capacità di 2,3 megawatt si sviluppa su un’area di 8.900 ettari, che rappresenta una capacità totale di 301 megawatt, è attualmente il più grande parco eolico del continente, unico complesso esistente è Zafrana in Egitto Icon una potenza superiore, stimato a 600 MW.
Diretto da Taraya Energy Project (Tarec), una società di diritto di proprietà marocchina equamente divisa tra Nareva Holding (filaile holding reale SNI) e il gruppo energetico francese GDF Suez, il progetto Tarfaya ha richiesto 5 miliardi di dirham degli investimenti ( 450 milioni di euro), il capitale mobilitati contributo di due portatori di progetti con finanziamenti ottenuti da un consorzio bancario marocchino Attijariwafa Bank, la Banque Populaire Group e BMCE Bank. La centrale di Taraya dovrà «fornire all’Ufficio Nazionale di energia elettrica e acqua potabile (Onee) del Marocco l’elettricità nel quadro di un contratto di acquisto per un periodo di 20 anni (“Build, Own, Operate and Transfer”)», ha dichiarato GDF Suez in un comunicato.
Tarec gestore del parco eolico, afferma che «consentirà la produzione di oltre 1.000 GWh / anno, la produzione necessaria per la fornitura di una città di quasi un milione e mezzo di abitanti, come Marrakech contribuendo così ad una maggiore indipendenza energetica del Marocco». La sua capacità è il 15% del target di 2 gigawatt che ha fissato il Marocco in sviluppo dell’energia proveniente dal vento. Il paese nordafricano, sta anche investendo in energia solare, ha in programma di fornire il 42% della capacità installata da fonti rinnovabili entro il 2020.