Riaperto il valico di Rafah

49

di Luigi Medici EGITTO – Rafah 15/11/2016. L’Egitto ha aperto il 14 novembre il valico di Rafah con Gaza per permettere principalmente il passaggio di casi umanitari.

Come riporta l’agenzia Wafa, il presidente egiziano Abd al-Fattah al-Sisi ha ordinato l’apertura del valico di confine tra Egitto e Striscia di Gaza dal 14 al 18 novembre. L’ultima volta che l’Egitto ha aperto il confine era tra il 20 e il 22 ottobre scorsi.

A centinaia gli abitanti di Gaza si sono presentati al valico, che sarà aperto in entrambe le direzioni per consentire il trattamento di casi umanitari, il passaggio di studenti all’estero, di malati e di titolari di un visto per attraversare le frontiere.

Rafah è chiuso per la maggior parte dell’anno e viene aperto un paio di giorni ogni due o tre mesi; il Cairo afferma di tener chiuso il valico alla luce dei problemi di sicurezza nel Sinai; Rafah è il passaggio principale di Gaza verso il mondo esterno; il secondo, quello con Israele, prevede il passaggio solo di casi particolari con il permesso rilasciato dall’esercito israeliano. Rafah collega i circa 1,8 milioni di abitanti di Gaza al mondo esterno e permette loro di bypassare Israele, che ha imposto un blocco sulla enclave costiera dal 2007. L’ambasciata palestinese al Cairo, riporta Efe, ha ringraziato le autorità egiziane per l’impegno nell’alleviare le sofferenze del popolo palestinese nella Striscia di Gaza.