Terrorismo. Riad chiede un’azione internazionale

52

ARABIA SAUDITA – Riad 28/10/2014. Il Consiglio dei ministri saudita il 27 ottobre ha ribadito la richiesta del regno alla comunità internazionale di prendere iniziative serie e di moltiplicare gli sforzi per porre fine ai conflitti e combattere il terrorismo in modo da consentire a tutto il mondo di vivere in pace, sicurezza e stabilità.

Al Arabiya che descrive quanto discusso nel gabinetto riporta che la riunione è stata aperta dalla preghiera per porre fine a tutte le crisi che stanno colpendo alcuni paesi islamici. In una dichiarazione rilasciata al termine della seduta, il ministro della Cultura e dell’Informazione Abdulaziz Khoja ha detto che il governo do Riad è stato informato sugli ultimi sviluppi nella regione mediorientale e nel mondo; il Consiglio dei Ministri ha condannato gli attacchi terroristici che hanno colpito il nord del Sinai in Egitto, al cui governo e popolo sono state trasmesse le condoglianze di Riad. Il governo saudita ha rilanciato l’allarme già lanciato dalla Lega Araba contro i pericoli che minano la sicurezza e la stabilità della regione e minacciano la pace internazionale. Il Consiglio dei Ministri ha anche richiamato l’attenzione sulla dichiarazione dell’Organizzazione per la Cooperazione Islamica (Oic) in occasione della sessione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla situazione in Medio Oriente. Riad ha inoltre approvato un memorandum sulla cooperazione nella sicurezza alimentare tra i governi di Arabia Saudita e Marocco, firmato in precedenza nella capitale saudita. Secondo l’accordo, entrambi i paesi lavoreranno per rafforzare la cooperazione nella protezione dei consumatori dai pericoli derivanti da malattie trasmissibili tramite prodotti animali e marini, operando nel rispetto delle convenzioni internazionali.